Carabinieri. Arrestato a Benevento Salvatore Cuccaro

0
33

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.

NELLA TARDA SERATA DI IERI 26.10.2006, SUL TRATTO DELLA SUPERSTRADA BENEVENTO – CAIANELLO, I CARABINIERI DEL NUCLEO OPERATIVO DEL REPARTO OPERATIVO DI BENEVENTO UNITAMENTE A QUELLI DELLA STAZIONE NAPOLI – BARRA, HANNO TRATTO IN ARRESTO CUCCARO SALVATORE, DI ANNI 57, DI NAPOLI, PERCHÉ RITENUTO RESPONSABILE DI PORTO E DETENZIONE DI ABUSIVO DI UNA PISTOLA BERETTA MOD. 79, CAL. 7,65 CON MATRICOLA ABRASA, COMPLETA DI CARTUCCE.LO STESSO IL 24 U.S. AVEVA SPARATO ALLE GAMBE DI DUE TITOLARI, PADRE E FIGLIO (ROMANO SALVATORE, DI ANNI 69 E ROMANO VINCENZO DI ANNI 35, DI NAPOLI) DI UN’AZIENDA DI PRODOTTI CHIMICI CON SEDE IN VIA VOLPICELLA A BARRA PER UNA QUESTIONE DI CONFINI. SALVATORE CUCCARO CHE È ZIO DEI BOSS ANGELO, MICHELE E RAFFAELE, RAS DELLA ZONA, DOPO IL DUPLICE FERIMENTO SI ERA RESO IRREPERIBILE ANCHE SE I CARABINIERI DELLA STAZIONE DI BARRA E DELLA COMPAGNIA DI POGGIOREALE ERANO RISALITI A LUI COME PRESUNTO AUTORE DEL DUPLICE FERIMENTO, EPILOGO DI UNA VIOLENTA LITE TRA I TRE.SALVATORE CUCCARO PRETENDEVA DAI ROMANO CHE SPOSTASSERO I LORO CONTAINERS DA UNO SPAZIO RIENTRANTE NELLA LORO PROPRIETÀ E CONFINANTE CON UN POLLAIO NELLA SUA DISPONIBILITÀ, PRETESA CHE I DUE IMPRENDITORI AVEVANO PIÙ VOLTE RESPINTO.L’UOMO NEL CORSO DEL LITIGIO HA ESTRATTO L’ARMA E HA FATTO FUOCO, RIPETUTAMENTE CONTRO I DUE COLPENDO SALVATORE ALLA GAMBA DESTRA E VINCENZO A QUELLA SINISTRA I QUALI, FERITI, VENIVANO SOCCORSI DAI DIPENDENTI E TRASPORTATI ALL’OSPEDALE LORETO MARE OVE VENIVANO MEDICATI E GIUDICATI GUARIBILI ENTRAMBI CON GG. 30 S.C..NEL CORSO DELLE OPERAZIONI CUCCARO AMMETTEVA LE SUE RESPONSABILITÀ SIA IN ORDINE ALLA DETENZIONE DELL’ARMA CHE AL FERIMENTO DEI ROMANO.DOPO LE FORMALITÀ DI RITO LO STESSO VENIVA ASSOCIATO PRESSO LA LOCALE CASA CIRCONDARIALE A DISPOSIZIONE SIA DELLA PROCURA DI BENEVENTO CHE QUELLA DI NAPOLI.

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.

ARTICOLI CORRELATI

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here