L’ente montano ha aderito ad un progetto per la commercializzazione dei prodotti della montagna

0
7

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.

Una iniziativa partita dalla delegazione Uncem Molise, ma la proposta operativa per la realizzazione di un apposito progetto pilota finalizzato a valorizzare i prodotti in genere della montagna italiana mediante uno dei tanti percorsi di finanziamento in essere è stata avanzata da Uncem Servizi.In questo progetto, dunque, sono coinvolte quattro Comunità Montane, due per il Molise (Ferrazzano e Bojano) e due per la Campania (Castelpagano e Tramonti), nonché l’Uncem Servizi, l’Uncem nazionale e l’Uncem Campania.Esso mira a favorire: gli investimenti nello stato del Delaware, negli Stati Uniti, di imprese delle aree montane italiane e gli scambi commerciali nei settori della cultura e della produzione artigianale ed enogastronomica tipica di qualità; il turismo nelle aree montane italiane; gli investimenti, in dette aree, da parte di imprese incorporate nello stato americano; l’integrazione tra università e territorio e le potenzialità di sviluppo che possono arrivare dall’applicazione sul campo della cultura scientifica. “Questo progetto pilota – spiega il presidente della Comunità Montana “Alto Tammaro”, Antonio Calzone – al quale abbiamo aderito, va detto che in Campania sono soltanto due le Comunità Montane coinvolte, rappresenta una occasione da non perdere per promuovere le eccellenze del nostro territorio, ma soprattutto per dare sicurezza a chi vuole produrre e contribuire alla diffusione di una nuova mentalità imprenditoriale. I nostri piccoli Comuni, con i loro centri storici, la loro storia e cultura, rappresentano dei villaggi agrituristici, dove, è ancora possibile avvicinarsi alle antiche tradizioni e vivere il quotidiano secondo modi e forme diverse. Allo stato del Delaware con cui dovremmo avere dei contatti commerciali mi sento di proporre l’adozione dei centri storici dei nostri piccoli Comuni, evitando però il rischio della colonizzazione”. Un progetto, dunque, che tenta di sperimentare un modello per la promozione internazionale del territorio montano partendo dalla convinzione che la montagna rappresenta una risorsa ed il territorio montano è estremamente ricco di attrattive turistiche e di produzioni tipiche oppure uniche. La promozione del territorio deve avvenire attraverso la sua identità culturale ed è necessario arricchire l’offerta turistica e favorire lo sviluppo dell’ospitalità diffusa nelle aree rurali. Con questo progetto si vuole veicolare l’immagine dei singoli territori attraverso un marchio “Montagna Italiana”, ma anche creare un centro di servizi condivisi tra le Comunità Montane e reti di servizi e gruppi di offerta su scala nazionale. Per quanto riguarda il “trade office virtuale” si vuole costruire una città montana che rifletta i tratti caratteristici dell’identità montana dei territori coinvolti ed attivare la promozione turistica e degli investimenti sul territorio. Il team di questo progetto è costituito da: esperti dell’Uncem Servizi, coordinatore territoriale e referenti delle Comunità Montane. La Comunità Montana “Alto Tammaro” è rappresentata dal presidente Antonio Calzone, nella veste di referente politico; dal segretario generale dott. Carlo Petriella, nel ruolo di referente amministrativo e dall’istruttore Michele D’Uva in qualità di referente tecnico.

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.

ARTICOLI CORRELATI

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here