LA FABBRICA DELLA MUSICA – I GIOVANI.La rassegna degli studenti del Conservatorio “Nicola Sala”

0
2

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.

Ventitré concerti distribuiti sul territorio, più di settanta giovani studenti che danno vita a dieci formazioni (dal duo al trio, dal quartetto all’ensemble vocale), diciassette tra Comuni ed Enti che ospitano i concerti in sedi istituzionali o in antiche chiese. Questi solo alcuni numeri della rassegna “LA FABBRICA DELLA MUSICA – I GIOVANI”, promossa ed organizzata dal Conservatorio statale di musica “Nicola Sala” di Benevento e che ha preso il via ieri per chiudere i battenti il 14 gennaio 2007. Il ciclo di concerti è stato presentato nel corso di una conferenza stampa e contestualmente è stata inaugurata, nella sala d’entrata al primo piano, l’esposizione “I Pastori Musici” a cura dei Fratelli Scuotto de’ “La Scarabattola”, fornitori ufficiali della Casa Reale Spagnola ed insigniti del riconoscimento della Presidente della Repubblica Italiana.Oltre ai dati, va sottolineato il significato artistico-culturale e sociale dell’iniziativa. “La Fabbrica” come spazio della produzione, ma anche fucina di creatività e di investimento nel sapere, nella cultura e nell’arte, elementi di sviluppo e di crescita.Due concerti sono destinati alla solidarietà e alla condivisione: il 16 dicembre, alle ore 11, presso l’Agenzia delle Entrate di Benevento, il Quintetto di Flauti, composto da Ida Febbraio, Stefania Rettore, Angela Padovano, Anastasia Cecere e Bernadetta Luciano e il Trio di Flauti a Becco (Alfredo Zullo, Barbara Fusco, Ida Febbraio) suoneranno per la Maratona TeleThon, per la ricerca contro le malattie genetiche; giovedì 21 dicembre, alle 18,00, Giuseppe Lettiero, Domenico Monda, Girolamo Gaetani, e Alessandro Verlingieri daranno vita ai Suoni delle Percussioni, presso l’Istituto Penale Minorile di Aiola. Quest’ultimo concerto è organizzato in collaborazione con l’Unità Operativa di Salute Mentale di Bucciano dell’Asl BN1. I luoghi dei concerti saranno: Benevento, Sant’Angelo a Cupolo, Montesarchio, San Marco dei Cavoti, Cusano Mutri, Foglianise, Aiola, Santa Paolina, Fragneto Manforte, Paolisi, San Giorgio del Sannio, Faicchio, Apice, Reino, Dugenta, Ceppaloni e Morcone.Sul versante dei programmi si va dalla produzione mozartiana (siamo nel 250° anniversario della nascita del grande salisburghese) con la Missa Brevis in re minore K.V. 65, per soli, coro e organo, l’Ave Verum per coro misto e organo, il Quartetto “Delle Dissonanze” k 465 in Do Maggiore, all’Alpine Suite di Edward Benjamin Britten, dalla Sinfonietta per cinque fluati di Leonardo De Lorenzo al Quartetto op. 96 “Americano” in Fa Maggiore di Antonín Leopold Dvořák, dalla Sonata I di Gioacchino Rossini al Trio per due clarinetti e sassofono contralto (dall’originale per due oboi e corno inglese) di Ludwig van Beethoven , e dal Concerto for Classic Guitar and Jazz Piano del compositore francese Claude Bolling alla Suite Hellénique dello spagnolo Pedro Iturralde. “Un’offerta artistica di qualità – sostiene il direttore Claudio Ciampa – che sottolinea anche il lavoro attento e altamente professionale dei nostri docenti verso una popolazione studentesca fortemente motivata e impegnata tanto nei corsi ordinari quanto in quelli di I e II livello”.“Questa rassegna – afferma il presidente Achille Mottola – intende rendere ancora più solido e vitale il legame tra il Conservatorio e il territorio. Il Conservatorio non solo apre le porte alla città e alla provincia, ma va verso la città e verso i Comuni del territorio e del suo ampio bacino d’utenza anche grazie a iniziative come La Fabbrica della Musica. Sempre nell’ambito di una attenta politica territoriale, andranno incentivati gli accordi di cooperazione coi Conservatori della Regione, puntando ad essere protagonisti attivi del Politecnico delle Arti, varato dalla Regione Campania, accordi che dovranno essere finalizzati anche alla creazione di corsi congiunti su base regionale. Il Conservatorio “Nicola Sala” – conclude il presidente Mottola – è un’Istituzione vitale all’interno della città, della provincia e della regione”.

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.

ARTICOLI CORRELATI

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here