COMUNICATO GENNARO SANTAMARIA

0
2

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.

Il vicepresidente del consiglio comunale, Gennaro Santamaria, con la seguente dichiarazione esprime alcune opinioni sui i lavori che dovranno svolgersi:“ Spero davvero che i lavori del prossimo consiglio comunale possano costituire un momento di confronto sereno e pacato tra i gruppi consiliari di Palazzo Mosti sull’importante punto posto all’ordine del giorno. Infatti, come tutti sanno, il Piano Strategico è uno degli strumenti di programmazione più importanti di cui l’Ente deve dotarsi per poter sfruttare al meglio le potenzialità legate ai nuovi fondi strutturali europei 2007/2013. Questo documento per avere forza ed incisività deve essere condiviso sul paino politico, istituzionale e sociale. Come si è avuto modo di apprendere dai rappresentanti delle varie città europee, intervenuti alla conferenza organizzate nei gironi scorsi dal Comune, le trasformazione avvenute in quelle realtà sono state frutto di scelte strategie ideate e condivise dall’intero territorio. Insomma, mai come in questa circostanza, tutti dovremmo avere la capacità di spogliarci delle casacche di appartenenza politica o di categoria per guardare insieme al bisogno e agli interessi della nostra comunità. Pertanto, a mio avviso, il consiglio comunale deve individuare un percorso che permetta la massimo partecipazione. Infatti, come tutti sanno, per questo strumento di programmazione non esistono iter procedurali imposti sul piano normativo. Pertanto, è rimessa alla volontà dell’Ente Comune, che è l’Ente leader del procedimento, individuare le forme di coinvolgimento e di partecipazione. Insomma, nella seduta di consiglio comunale ci si dovrebbe intendere su un crono-pragramma di massima sul quale procedere per la redazione del Piano, individuando nelle vari fasi chi fa cosa. Spero che su questo davvero non ci si divida. Infatti, se le divisioni dovessero iniziare da questo, c’è poco da sperare per il prosieguo. Pertanto l’Amministrazione attiva, a cui spetta l’onere dell’iniziative, in questa circostanza dovrebbe dimostrare fino in fondo intelligenza e saggezza.”

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.

ARTICOLI CORRELATI

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here