Comunità Montata del Taburno.Ascierto Della Ratta:“le decisioni del presidente ci lasciano perplessi”.

0
3

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.

All’indomani della decisione assunta dal presidente della Comunit‡ Montana del Taburno, Domenico Mortaruolo, di presentare una denuncia contro ignoti per le voci circolate nei giorni scorsi di una probabile mozione di sfiducia sottoscritta dalla maggioranza dei consiglieri che siedono nell’assemblea generale della Comunit‡ e la revoca della delega di assessore al consigliere comunale di Sant’Agata de’ Goti, Antonio Della Ratta, il consigliere regionale di Alleanza Nazionale, Mario Ascierto Della Ratta, ha inteso chiarire la sua posizione sull’intera vicenda.“ Dopo la decisione del presidente Mortaruolo – ha dichiarato il consigliere Ascierto Della Ratta – di revocare l’assessore Antonio Della Ratta, senza fornire al diretto interessato le opportune motivazioni politiche, credo che possiamo ritenere senza esitazione conclusa questa esperienza di governo. Al tempo stesso, perÚ, non posso tacere una certa sorpresa nel registrare un modus operandi da parte del presidente Mortaruolo che definire sopra le righe Ë, a mio avviso, dir poco. Quando l’azione politica intende farsi strada mediante denuncie penali o seguendo vie giudiziarie, allora vuol dire che viene meno il criterio della rappresentanza popolare che impone a ciascuno di noi di farsi da parte quando viene meno il consenso diretto o indiretto dei cittadini.Al presidente della Comunit‡ Montana del Taburno – ha concluso Mario Ascierto Della Ratta – vorrei modestamente suggerire, se come sostiene intende con la sua denuncia tutelare l’integrit‡ del Consiglio Generale, di portare alla valutazione dell’assemblea generale tutte le discussioni di merito e verificare nelle sedi opportune se esiste ancora o meno una maggioranza numerica intenzionata a confermargli la necessaria fiducia per amministrare questo ente”.

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.

ARTICOLI CORRELATI

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here