COMUNICATO STAMPA DAVIDE ZARRO

0
8

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.

Fummo prudenti perché diversamente potevamo essere accusati di aver dei preconcetti verso il D.G. appena nominato. L’osservazione di oggi conferma quella di ieri. Intanto manager ospedaliero non ci si improvvisa e poi governare la sanità è compito complesso. Certo, di fronte a Costantino Africano, tanto di cappello ma quando questi non c’è, è meglio affidarsi a scelte “endogene”, poiché almeno è conosciuto il territorio e l’ambito nel quale si va ad assumere responsabilità di gestione. Poi, nell’incarico assunto bisogna crederci e dedicarsi ad esso a tempo pieno e non part-time come nel caso dell’attuale D.G. Dopo un anno va fatto il punto su una questione che per tutti i cittadini è primaria: la certezza del vedersi garantito un servizio efficace. E’ vero che la parola d’ordine dell’Assessore Montemarano, per la sola Azienda Rummo è: “risparmiare”. Ci viene detto che l’attuale D.G. appartenga ad una ben determinata area politica. Non lo crediamo. Più certo è che si tratta di persona da sempre assai vicino all’attuale Assessore alla Sanità. Questo particolare poteva costituire, per certi versi, un vantaggio per il Sannio, ma i fatti stanno dimostrando che la nostra Azienda sta arretrando anche nei confronti di quelle del napoletano e dell’ irpinia, anche in considerazione di quanto emerge dal nuovo piano ospedaliero di recente approvato in sede regionale. I fatti allora ci dicono che:a) Gli ambulatori all’interno dell’Azienda non funzionano più a regime ed è intendimento andare alla loro chiusura in tempi assai rapidi;b) I tempi di attesa per prestazioni ambulatoriali si sono allungati e per taluni esami si parla di aspettare mesi;c) Nelle diverse Unità Operative ed in particolare nelle camere operatorie vi è carenza di materiale medicale di ogni tipo;d) Le camere operatorie, a causa della loro inadeguatezza, verranno chiuse per un tempo imprecisato con disagi che ovviamente peseranno sugli utenti;e) Nell’Unità Operativa di Radiologia, fatto inusitato, le pellicole radiografiche non vengono più stampate per carenza delle stesse con evidenti svantaggi e conseguenze;f) Dopo dieci mesi i ricoveri presso l’Azienda Rummo sono diminuiti del 15%.Intanto riprende “l’itinerario” verso altre Regioni (Molise) ed altre strutture sanitarie (zona Avellinese) oltre i viaggi della “speranza” in Regioni più lontane. Questi elementi ed altri, su cui evitiamo oggi di soffermarci creano malessere tra i dipendenti e sconcerto nella pubblica opinione. In questa situazione, molti operatori vengono messi nella condizione di non esprimersi al meglio e si tratta di dipendenti che si sono sempre distinti per la loro professionalità e per la passione che quotidianamente mettono nel loro lavoro. L’invito allora è ad aprire, a tutti i livelli, una attenta verifica sulla conduzione del Rummo, una questione che non è solo dei Socialisti, di questo o l’atro schieramento, per giungere a momenti di elevata partecipazione e confronto democratico tra tutti quelli che hanno interesse, gli utenti in primo luogo, a livelli di assistenza adeguati che si impongono in ogni comunità.

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.

ARTICOLI CORRELATI

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here