Adotta Fido, presentata l’iniziativa in difesa dei cani randagi

0
9

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.

E’ stata presentata questa mattina nel corso di una apposita conferenza stampa tenutasi nella sala consiliare di Palazzo Mosti la campagna di sensibilizzazione alla adozione di cani randagi intitolata “Adotta Fido”, che è stata avviata dall’assessorato alle Politiche per la Protezione della salute degli animali e per la Sicurezza sociale del Comune di Benevento. Nel corso dell’incontro il sindaco, Fausto Pepe, ha illustrato le finalità dell’iniziativa: “E’ la prima volta che il Comune di Benevento intraprende un percorso di sensibilizzazione finalizzato all’adozione dei cani randagi. Speriamo di coinvolgere quante più persone possibili. In queste ore stiamo, tra l’altro, allestendo anche una postazione informativa sul corso Garibaldi”. L’assessore alle Politiche per la Protezione della salute degli animali, Enrico Castiello, a sua volta ha spiegato che l’iniziativa punta anche a “a favorire la riduzione del fenomeno del randagismo legato all’abbandono indiscriminato da di persone sciagurate e malvagie proprio in occasione di festività importanti come quelle natalizie” e permette “un miglior controllo ambientale ed igienico in conseguenza della diminuzione di escrementi prodotti dai cani randagi nelle strade cittadine”. Alla conferenza stampa sono anche intervenuti il presidente del comitato provinciale dell’Unicef, Carmen Maffeo, il presidente della sezione di S. Giorgio del Sannio della Lega nazionale per la difesa del cane, Giuseppe Gatti, e il responsabile del servizio veterinario dell’Asl Bn1, Fiorentino Sateriale.Chiunque volesse adottare un cane randagio deve produrre apposita domanda da indirizzare al IV Settore del Comune di Benevento in viale dell’Università. I modelli di domanda e le foto dei cuccioli adottabili sono disponibili sul sito ufficiale del Comune di Benevento all’indirizzo: www.comune.benevento.it.

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.

ARTICOLI CORRELATI

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here