Si è tenuto stamani la prima delle due annunciate sedute di fine anno del Consiglio provinciale

0
3

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.

“noi riteniamo che non ci devono essere uomini per tutte le stagioni e che i comportamenti politici devono essere coerenti. Se Ciervo, assessore provinciale e sindaco di Sant’Agata de’ Goti, ha affermato che l’assessore comunale Carmine Valentino sia incompatibile, per una questione di parità, anche alla Provincia Ciervo è incompatibile con lo stesso assessore provinciale Valentino. La presenza della Margherita oggi in Aula è solo per una forma di rispetto istituzionale nei confronti della Giunta e del Consiglio provinciale e degli stessi consiglieri di minoranza. Chiediamo al presidente Nardone di revocare l’assessore provinciale Ciervo: finché questo non avverrà, ritenete la nostra presenza come fatto solo istituzionale ma non come fatto politico”. Su questa dichiarazione si è aperto un dibattito. Il Consigliere Rubano ha dichiarato che le vicende interne di un comune non dovrebbero riguardare in nessun modo il Consiglio provinciale. Il consigliere Lamparelli ha invece sottoscritto l’intervento di Ricci ed espresso solidarietà all’assessore Valentino, anche se, ha precisato, dovrebbe essere Ciervo a rassegnare le dimissioni. Il consigliere Bosco ha chiesto di lasciare queste questioni fuori dal Consiglio. Il presidente Nardone ha ricordato che la sua Amministrazione ha un impegno su un patto antiribaltone. Sulla questione specifica egli ha chiesto che siano innanzitutto le forze politiche a discutere sull’argomento. “Ringrazio – ha detto il presidente – il gruppo della Margherita per la presenza in Aula e do atto del senso di responsabilità della opposizione. Celebriamo il Consiglio sotto il profilo programmatico fermo restando che trarremo le conclusioni opportune a seguito del dibattito”. Il Consiglio ha quindi discusso dell’interrogazione dei consiglieri provinciali Barricella e De Cianni relativa allo stato di dissesto della strada provinciale 12 Cerreto Sannita – Cusano Mutri; ha approvato quindi: 1) con 18 sì ed un no l’adesione al Consorzio Sudgest, finalizzato ad iniziative per lo sviluppo, alta innovazione ed assistenza agli Enti locali: il costo dell’adesione è di circa 50mila euro; 2) a voti unanimi la Convenzione tra Università del Sannio e Provincia per il Laboratorio di certificazione delle telecomunicazioni; 3) all’unanimità l’adesione “Istituto Superiore di Studi Giuridici del Sannio; 4) all’unanimità il “Regolamento per il riconoscimento dell’idoneita’ degli insegnanti ed istruttori di autoscuola; e 5) sempre a voti unanimi la conferma per il 2007 delle tariffe per l’Imposta provinciale di trascrizione del pubblico registro automobilistico. Infine, il consigliere Rubano ha polemicamente ritirato la propria interrogazione circa alla soppressione di corse Intercity da parte delle Ferrovie per il ritardo nella discussione sull’argomento.

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.

ARTICOLI CORRELATI

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here