Delegazione autonomie locali

0
6

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.

La delegazione si è interessata ai programmi di sviluppo posti in essere dalla Provincia sannita illustrati dallo stesso presidente Nardone e dall’assessore all’innovazione e ricerca scientifica Giorgio Nista nella Sala consiliare. In particolare sono state portate all’attenzione degli amministratori le opzioni strategiche sull’innovazione, la ricerca scientifica e la solidarietà sociale sia su scala locale, che su globale con la descrizione di alcuni casi concreti. Il presidente della Lega Morra è intervenuto nella sede consiliare per affermare l’interesse con il quale l’Associazione da lui rappresentata segue gli sforzi e le progettualità delle aree interne campane per la crescita del territorio ed il superamento delle condizioni di marginalità. All’incontro ha partecipato anche il prof. Antonio Iavarone, beneventano doc, docente presso la Columbia University di New York dove sta seguendo un importante programma di ricerche scientifiche in materia oncologica e dove a breve, con la cooperazione a suo tempo instaurata tra Ministero del lavoro e Provincia di Benevento, si avvierà un programma triennale di nuove ricerche attraverso borse di studio. La presenza del luminare alla Conferenza degli amministratori voleva essere il segnale dell’attenzione che la Provincia sannita dedica alla ricerca scientifica. Ed il professore Iavarone non ha mancato di svolgere un appassionato intervento per invocare da parte delle Istituzioni pubbliche italiane una svolta profonda sull’alta formazione, la ricerca e l’innovazione. Il docente si è in particolare soffermato sui concetti della meritocrazia da applicare negli organici delle Accademie, alle Università, agli Ospedali e ai luoghi di cura e negli stessi enti locali per contribuire a ridare slancio, competitività e vitalità all’Italia. La delegazione è stata quindi accompagnata in un tour per i poli culturali amministrati dalla provincia della città capoluogo del Sannio.A margine dell’incontro è stata siglata una Convenzione tra il Comune di Castellammare di Stabia e la Provincia in merito al progetto “Semaforo delle acque” inerente il telerilevamento satellitare dello stato di salute delle acque marine su cui si affaccia l’importante città della provincia napoletana.

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.

ARTICOLI CORRELATI

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here