BASKET, IL DERBY VA AD UNA GRANDISSIMA IDNAMIC

0
3

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.

Non vorremo assolutamente che la serata di ieri sia ricordata solo per
l’
episodio accaduto nel finale di partita, quando la guardia della Magic
Team
Novatti, in maniera del tutto insensata, colpisce con un pugno al volto
il
capitano dell’Idnamic Credendino e viene giustamente espulso dagli
arbitri.
Il brutto episodio si è verificato a circa tre minuti dal termine della
sfida,
dopo un fallo antisportivo fischiato all’atleta ospite Iannicelli,
attimi di
tensione sugli spalti con la mamma del capitano sannita colta da un
lieve
malore ma per fortuna subito ripresasi.
La gara di ieri ha fatto vedere che a Benevento ci sono due squadre di
assoluto valore in grado di riportare la pallacanestro sannita ai fasti
prestigiosi di qualche anno fa e se anche la cittadinanza comincia
capirlo,
riempiendo sempre di più i sia il Pala Parente che il Pala Tedeschi il
futuro
non potrà che essere roseo.
Torniamo alla cronaca di una gara che fino ai brutti momenti finali era
stata
davvero bellissima, un grande spot per la pallacanestro, con le due
squadre che
si sono sfidate a viso aperto, regalando attimi di gioco altamente
spettacolare.
Nel primo quarto la gara scorre sui binari dell’equilibrio con i
playmaker
delle due squadre, Gaston Gaido ed Alessio Paci, che si mettono subito
in luce
con canestri in penetrazione che mettono in difficoltà le difese.
A metà periodo la Magic Team, priva dell’infortunato Moccia, tenta un
mini
allungo portandosi sul 17-12, grazie alle giocate del pivot Danzi in
gran
spolvero su tutti e due i lati del campo.
L’Idnamic è brava a rifarsi subito sotto grazie ad una tripla di
Piscitelli ed
a 4 punti consecutivi di Cavallaro.
I padroni di casa chiudono in vantaggio di 4 punti il primo quarto sul
23-19.
Nella seconda frazione di gioco la partita mantiene sempre lo stesso
spartito,
la truppa di coach Leonetti è costantemente avanti nel punteggio ma non
riesce
mai a trovare il break decisivo.
Nell’Idnamic sono il capitano Credendino ed il pivot Piscitelli i più
continui
in attacco, guidati dalla lucida regia di Gaido, mentre nelle fila
della Magic
Team, oltre a Paci, mente e braccio della squadra di coach Casadio, i
vari
Cupito, Iannicelli e Novatti solo a sprazzi mettono in mostra il loro
talento,
con quest’ultimo che ha sofferto non poco la marcatura asfissiante di
un grande
Grimaldi.
L’allenatore della squadra ospite ottiene un buon contributo dalla
panchina
con il capitano Rocco Catillo ed il giovanissimo play Buontempo bravi a
far
rifiatare i titolari.
Lo stesso può dirsi per l’allenatore di casa Leonetti che pesca bene
con i
vari Cavalluzzo, Ausiello e Cavallaro.
All’intervallo lungo il punteggio è di 40 – 35 per i padroni di casa
che solo
per un attimo hanno raggiunto un vantaggio in doppia cifra sul +11 a
due minuti
dal suono della sirena.
Nella ripresa la gara scorre via su ritmi sempre molto elevati con
tutti gli
atleti in campo che regalano grandissime giocate ad un pubblico
entusiasta, da
un lato le volate del solito Credendino e di Giovanni Ausiello,
dall’altro le
azioni di puro atletismo del pivot Danzi sempre ben servito dai
passaggi
chirurgici di Paci.
Il punteggio è un altalena costante con l’Idnamic che tenta più volte
la fuga
e la Magic team brava a rintuzzare tutti i tentativi di fuga.
Alla fine del terzo quarto la gara è ancora assolutamente in bilico con
soli
cinque punti da recuperare per gli ospiti.
Nell’ultimo quarto la tensione si taglia a fette, due bombe di Biagio
Sergio
ed Ausiello danno il + 10 all’Idnamic, subito rispondono gli ospiti che
grazie
a 5 punti consecutivi di Novatti si riportano addirittura sul – 3.
Nel momento forse più difficile della gara, l’Idnamic è ancora una
volta presa
per mano dal suo capitano Credendino che con un canestro dai cinque
metri ed
uno in contropiede su palla recuperata con fallo subito ridà il + 9 ai
suoi a 3
minuti dal suono dell’ultima sirena.
I canestri di Ausiello e Novatti fissano il punteggio sul 66- 56 prima
dell’
assurdo gesto di Novatti che rovina una gara fino a quel momento
assolutamente
corretta, arbitrata in maniera impeccabile dalla coppia di arbitri
Stefania
Perrone e Cristina Luca.
Dopo l’espulsione dell’atleta argentino, Alberto Grimaldi trasforma
solo due
dei quattro tiri liberi a disposizione ma l’inerzia della gara è tutta
dalla
parte dei padroni di casa, con la squadra ospite sopraffatta dalla
stanchezza a
causa delle rotazioni limitate che coach Casadio ha a disposizione.
Nei minuti conclusivi il punteggio finale viene fissato sul 77 – 62 e
con il
pubblico di fede Idnamic che si lascia andare ai meritati
festeggiamenti
riservando ai propri beniamini in casacca bianca la giusta ovazione.
L’Idnamic si aggiudica, quindi, il primo derby della stagione
disputando una
gara intensissima, unita ad una grande lucidità mantenuta nei momenti
chiave
della disfida.
La Magic Team si conferma squadra di assoluto valore ed ha dimostrato
di
meritare, dal punto di vista tecnico, il posto in classifica che occupa.
Aspetto che da ancora più valore al successo ottenuto ieri da
Credendino e
compagni che chiudono in quarta posizione il girone d’andata a sole due
lunghezze proprio dalla Magic Team terza.
Una vittoria nella prima gara dell’anno che è assolutamente un ottimo
viatico
per il prosieguo di una stagione che regalerà ancora tante emozioni.
Il campionato riparte senza sosta domenica pomeriggio, quando l’Idnamic
sfiderà, ancora sul parquet amico del Pala Parente il Planet Catanzaro,
avversario diretto per la corsa ai play off promozione.

IDNAMIC BENEVENTO – MAGIC TEAM 92 BENEVENTO 77-62
(23-19, 17 – 16, 12-12, 25-15)

IDNAMIC: Credendino 19, Gaido 8, Grimaldi 11, Piscitelli 15, Sergio 7,
Ausiello 11, Cavallaro 6, Cavalluzzo, Luongo, Pastore Ne, Bocchino ne.
All.
Leonetti.

MAGIC TEAM: Paci 18, Iannicelli 7, Danzi 15, Novatti 13, Cupito 7,
Camera 2,
Catillo, Buontempo, Moccia Ne, Liguori Ne. All. Casadio
Arbitri: Stefania Perrone e Cristina Teresa Luca

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.

ARTICOLI CORRELATI

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here