Morto Morosini, Figc sospende tutti i campionati. Carpi-Benevento si giocherà mercoledì 25 aprile alle ore 15

0
5

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.

Il calcio si ferma in segno di lutto. La decisione è stata presa a pochi minuti dal calcio di inizio del primo match del weekend di Serie A, l’anticipo delle 18 tra Milan e Genoa. La Federcalcio ha annullato tutte le partite di tutti i campionati in segno di lutto per la tragica scomparsa di Piermario Morosini, deceduto poco dopo le 17 in seguito a un malore che lo ha stroncato durante il primo tempo di PescaraLivorno.

Inizialmente si era pensato di osservare il lutto con un minuto di silenzio, ma poco prima delle 17:30 si è capito che non sarebbe stato sufficiente perché le implicazioni emotive sarebbero state drammatiche per molti dei tesserati. Basta pensare che alle 20:45 l’Udinese, squadra nella quale Morosini ha militato sino al 31 gennaio, sarebbe dovuta scendere in campo contro l’Inter.

Il presidente Giancarlo Abete ha così deciso in prima persona di annullare tutte le partite in programma nel weekend, una presa di posizione che è stata accolta dalla Lega Calcio di Serie A. I calciatori di Milan e Genoa erano già in campo per il riscaldamento della sfida di San Siro, quando sono stati informati del rinvio della gara. E pian piano lo stadio si è svuotato.

Il calcio si ferma, dunque. E si stringe nel ricordo commosso di un ragazzo di 26 anni che se ne è andato troppo presto. Le partite in programma nella 33esima giornata di Serie A verranno probabilmente recuperate tra il 24 e il 26 aprile. Ma, questo, è decisamente un problema secondario.(Eurosport)

Una famiglia colpita dai lutti
Negli ultimi anni il giovane aveva subito una serie di lutti in famiglia: a partire dal suicidio del fratello portatore di handicap, poi la morte della madre nel 2001; nel 2003 invece quella del padre Aldo. Morosini aveva una sorella gravemente malata. Il 25enne era rimasto l’unico familiare a potersi occupare di lei: dopo la morte del papà infatti anche il fratello maggiore è scomparso. 
(TGcom24)
 La carriera di Piermario Morosini.
Nato a Bergamo il 5 luglio 1986, il centrocampista è cresciuto nelle giovanili dell’Atalanta. Nel 2005 è passato in comproprietà all’Udinese. Proprio nelle file del club friulano ha esordito in Serie A, il 23 ottobre, in Udinese-Inter. Sempre con la maglia bianconera è entrato in campo europeo, nell’ottavo di finale con il Levski Sofia.DALL’UDINESE AL LIVORNO- Nella stagione 2006-2007 Morosini è passato al Bologna, in quella stagione militante in Serie B. L’anno dopo il giocatore è passato al Vicenza, dove ha contribuito alla salvezza della squadra. I biancorossi ne hanno riscattato il cartellino e Morosini si è confermato uno dei giocatori chiave. Nell’estate del 2009 l’Udinese lo ha prestato alla Reggina prima di passare nella sessione di mercato invernale al Padova. Nel gennaio del 2011 il giocatore è tornato al Vicenza, quindi nell’inverno successivo al Livorno. Morosini ha vantato anche presenze nella Nazionale Under 21, con la quale prende parte agli Europei di categoria in Svezia, nel 2009.(Corriere delle Sera online)

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.

ARTICOLI CORRELATI

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here