Operazione “Doppia Forza”. Eseguiti 10 arresti(2 ai domiciliari e 8 in carcere) da Polizia e Carabinieri.

0
6

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.

Alle prime luci dell’alba, personale dell’Arma dei Carabinieri e della Polizia di Stato, nell’ambito dell’operazione denominata "DOPPIA FORZA", ha dato esecuzione a nr. 10 ordinanze di custodia cautelare (di cui n.8 in carcere e n. 2 agli arresti domiciliari) a carico persone residenti nel Comune Capoluogo emesse dal Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Benevento, su richiesta della Procura. Le due forze di polizia impegnate nell’attività di indagine svolte sia di iniziativa, sia su direttiva della Procura della Repubblica, hanno raccolto indizi di reità nei confronti di una serie di persone sottoposte ad indagini, per reati aventi ad oggetto lo spaccio di sostanze stupefacenti.

Si tratta di soggetti, tutti già noti alle forze di polizia, che a vario titolo si sarebbero resi responsabili di spaccio di sostanze stupefacenti

Delle varie fattispecie contestate preliminarmente agli indagati, il Giudice per le indagini preliminari ha ritenuto fondate su gravi indizi di colpevolezza quelle afferenti lo spaccio di sostanze stupefacenti, che ha avuto ad oggetto hashisch, cocaina ed eroina.

I clienti abituali od occasionali dei predetti spacciatori si contano in diverse decine, provenienti da tutta la città, di ogni ceto sociale e di diverse fasce di età.

L’attività di spaccio si è svolta principalmente nei pressi di un Bar ubicato al rione Libertà del Comune di Benevento. In particolare, al fine di detenere l’egemonia sull’attività di cessione di stupefacenti, alcuni degli arrestati non esitavano ad intimidire, mediante violenza, i tossicodipendenti che non si rifornivano seguendo i loro canali. Analoghe punizioni venivano riservate agli spacciatori non affiliati al loro gruppo criminale. L’intera operazione si è basata sull’utilizzo di moderne tecnologie investigative quali intercettazioni ambientali, telefoniche e video con il coordinamento di diverse forze di polizia ad opera dell’ufficio di Procura.

Va sottolineato che il buon esito delle indagini si deve alla sinergia del’operato di diverse forze di polizia impegnate costantemente per il contrasto al fenomeno di diffusione degli stupefacenti.

Nella stessa giornata, nell’ambito della medesima operazione di polizia, sono state eseguite numerose perquisizioni domiciliari a carico di soggetti vicini al gruppo criminale colpito dalle misure restrittive. Custodia cautelare in carcere  per Nicola Fallarino (1984),Antonio Parrella (1985),Giovanni Fallarino (1957),Giuliano De Nunzio(1958), Massimo Luongo (1963),Giuseppe De Lorenzo (1984),Salvatore Polizia (1964),Francesco Pio Norice (1989).Arresti domiciliari per Raffaella Polizia (1986) e Pio Musco.

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.

ARTICOLI CORRELATI

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here