L\’ACCADEMIA VOLLEY RICONQUISTA LA \” B2\”

0
14

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.

La partita inizia con ritardo a causa di un inconveniente al pullman del Pozzuoli.
Il pubblico presente al PalaParente attende con pazienza il fastidioso ritardo.
Al pronti-via l’Accademia si beve il Pozzuoli che non riesce ad arginare una prorompente Iadarola che infila punti preziosi. Le giallorosse acquistano il massimo vantaggio di dieci punti sino al tempo tecnico, poi calano il ritmo lasciando l’iniziativa al Pozzuoli che pareggia i conti sul 20 a 20.
I fantasmi vengono cacciati dalle bocche di fuoco sannite che chiudono alla prima occasione con una magia di Ginevra Fidora. 25-23
Il secondo set vede di nuovo Principe e compagne sciorinare bel gioco e le ospiti a soccombere.
Netto vantaggio di marca giallorossa ma a metà set di nuovo la corazzata beneventana si ferma per far posto alle partenopee che pareggiano i conti aggiudicandosi il set ai vantaggi. 24-26
1 a 1 e fatica sprecata? Niente di più falso; il gioco si fa avvincente l’Accademia rientra in partita sempre al comando; Vittorio Ruscello tiene alta la tensione ma raccomanda di non strafare.
Il set scorre sul filo di un certo equilibrio, dove a fare la differenza è sostanzialmente la difesa. Azioni interminabili e palle rimesse in gioco miracolosamente, col pubblico che comprende l’esigenza di sostenere le atlete e non si fa pregare.
L’Accademia risponde come meglio sa fare, fino ad una randellata di Annamaria Ferrone che chiude il set 25-23.
Quarto set: l’Accademia teme il ritorno delle ospiti, Fidora cerca l’esperienza di Iadarola, la mano pesante di Ferrone, la gioventù di Colella e la velocità di capitan Principe; oltre a loro viene fuori "grillo" De Cristofaro che difende e attacca, macinando punti e punti fino ad allungare al 25-18 che libera l’urlo del Pala Parente.

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.

ARTICOLI CORRELATI

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here