La spending review è legge. Via libera della Camera con 371 voti

0
86

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.

Malessere tra i partiti

Evidente, nelle dichiarazioni di voto della giornata, il malessere dei partiti per un provvedimento che tocca molti fronti della spesa pubblica. Lucia Codurelli, Pd, parla di «sì sofferto e ultimo se non si cambia registro, ci sono troppe cose contenute nel decreto che, non vanno. Dai tagli lineari ai comuni, alla sanità, alla scuola, per non dire la questione ancora irrisolta degli esodati». Antonio Di Pietro, Idv, accusa il Parlamento di aver « rinunciato a mantenere la democrazia in questo paese. Monti sta distruggendo l’economia e lo stato sociale in nome della quadratura dei conti».

 

Pdl: non siamo un tappetino

Nelle fila del centrodestra, Maurizio Lupi conferma l’appoggio al provvedimento del suo partito ma richiama l’episodio dell’intervista di Monti al Wsj: «il Pdl é responsabile ma appoggiare il governo Monti non vuol dire fare il tappetino sdraiato». Meno problematico il sì da parte dei centristi: Amedeo Ciccanti (Udc) ricorda che «Spendere meglio per spendere meno, é il motto dell’Udc, di questo governo, di questa maggioranza. Non é giusto che la crisi sia pagata da una sola parte degli italiani come é stato fatto finora», mentre Antonino Lo Presti definisce il sì al decreto «non é soltanto un atto di responsabilità e di condivisione del merito delle scelte sofferte» ma anche «un contributo forte per creare un nuovo spirito» tra gli italiani.

 

Parlamento chiuso per ferie

Con il via libera allo Spending review, il Parlamento si avvia chiudere i battenti fino a settembre: sul tavolo, al momento, solo il decreto per l’emergenza ell’Ilva di taranto, atteso tra stasera e domani. L’Aula della Camera tornerà a riunirsi il prossimo 5 settembre, fatte salve emergenze che richiedano una convocazione durante la pausa estiva. Le commissioni torneranno invece al lavoro il 3 settembre.

IL SOLE 24 ORE

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.

ARTICOLI CORRELATI

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here