Sorrento – Benevento 1-1. Fischi dei tifosi a fine gara

0
19

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.

Con il punteggio di 1 a 1 maturato nella prima frazione di gara, Benevento e Sorrento si dividono la posta in palio al termine di un match che ha regalato meno spunti di una sfida salvezza tra compagini dilettantistiche. Doveva essere l’occasione per rilanciarsi nei quartieri nobili della classifica e brindare con un successo alla nuova guida tecnica, ma ne è venuto fuori uno scialbo pareggio che fa più comodo ai padroni di casa, ancora impelagati in zona playoff, rispetto ai giallorossi, fermi in una anonima posizione di centro classifica. Per inaugurare il nuovo corso, Ugolotti conferma le aspettative della vigilia e manda in campo i suoi con il 3-5-2 provato in allenamento. L’escluso eccellente è dunque Montiel mentre Cipriani, nonostante la buona prova in Coppa e gli incoraggianti segnali mostrati nella partitella del giovedì, si accomoda in panchina. Bucaro dispone i suoi ragazzini con un 4-3-1-2 mandando subito il campo il neoacquisto Di Dio, schierando il sannita Ciampi in difesa e affidandosi all’esperienza di Beati in mediana e alle accelerazioni di Corsetti e Cesarini. La prima azione degna di nota, si fa per dire, è di marca giallorossa e porta la firma di Bolzan, puntuale nella discesa e preciso nel servire Altinier a centro area, ma l’estremo difensore rossonero Polizzi legge bene lo sviluppo dell’azione e anticipa il Duca in presa alta. Pochi minuti più tardi è ancora il mancino trevigiano ad essere protagonista, ma in negativo: sulla verticalizzazione di Beati, l’ex molosso cicca clamorosamente la sfera liberando sul fondo Esposito, il cui traversone chiede solo di essere appoggiato in porta dal ben piazzato Cesarini. Il vantaggio dei costieri si rivela effimero e dopo due soli giri di lancette il Benevento perviene al pari. Il tracciante di capitan D’Anna dall’out destro non viene corretto in rete da Altinier per un soffio e attraversa tutta l’area di rigore. Sul secondo palo spunta Mancosu che in estirada apparecchia per la comoda zampata sottoporta del Duca, giunto al quarto centro in campionato. L’immediato pareggio galvanizza il Benevento che prende in mano le redini del gioco grazie ad un buon Rajcic ben supportato dal dinamismo di Carotti. Tuttavia, le dimensioni del rettangolo di gioco che penalizzano l’ampiezza della manovra, l’atteggiamento difensivista dei costieri e la luce del talento sardo che non vuol saperne di accendersi, fanno si che il taccuino resti praticamente immacolato alla voce occasioni da gol. Per un sussulto c’è da attendere il 38’, quando su corner di Mancosu, Siniscalchi è tanto imperioso nello stacco aereo quanto sfortunato nella conclusione che scavalca Polizzi ma si imbatte in Nocentini, miracoloso nell’allontanare la sfera sulla linea di porta. Su questa chance si conclude un primo tempo leggermente avaro di emozioni ma che lascia intatte le speranze di portare a casa il bottino pieno. Nella ripresa, però, la gara si fa terribilmente soporifera. Al pronti via, Marchi tenta il lob da distanza siderale ma la mira è da rivedere. Al minuto 60 Mancosu prova a sorprendere Polizzi direttamente su calcio di punizione ma il suo tentativo non crea grattacapi al portiere di casa. Ugolotti si affida a forze fresche per tentare di imprimere la sterzata decisiva ad una gara che proprio non vuol saperne di decollare, ed ecco Montiel e Germinale per Carotti e Altinier. La girandola di sostituzioni non sortisce l’effetto sperato e l’inerzia della sfida non cambia. Ritmi blandi, varchi chiusi e occasioni da rete con il contagocce continuano a farla da padrone. Al 77’ Germinale raccoglie un traversone di Marchi e appoggia per l’accorrente Montiel che di prima intenzione spara la sfera fuori dal Campo Italia. Al minuto 83 esce un abulico Marchi per far spazio a Cipriani, all’esordio in campionato, ma 7 minuti non bastano al gigante emiliano per mettersi in evidenza. Il risultato non si schioda dall’1 a 1 e dopo 3 minuti di recupero scivolati via tra gli sbadigli, il signor Intagliata manda tutti negli spogliatoi. Sorrento: Polizzi, Ciampi (35’ st Balzano), Arcuri, Beati, Nocentini, Di Nunzio, Esposito A., Di Dio, Cesarini, Iuliano (31’st Zanetti), Corsetti (38’ st Nsuki).A disp.: Frasca, Guitto, Schiavone, Esposito R. All.: Bucaro Benevento: Gori, Siniscalchi, Bolzan, Rajcic, Mengoni, Signorini, D’Anna, Carotti (18’ st Montiel), Altinier (29’ st Germinale), Mancosu, Marchi (39’ st Cipriani).A disp.: Mancinelli, Rinaldi, Pedrelli, Davì. All.: Ugolotti Arbitro: Intagliata di SiracusaMarcatori:12′ Cesarini (S); 14′ Altinier (B)Ammoniti: D’Anna, Siniscalchi, Carotti, Di Nunzio, Germinale.Antonio Colangelo per LoStregone.net

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.

ARTICOLI CORRELATI

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here