ARRESTATO AMMINISTRATORE SOCIETA\’ TRIBUTI COMUNE BENEVENTO

0
115

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.

 

Un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Massimo Manserra,amministratore della società Digep che riscuote i tributi del comune di Benevento (con sede legale a Pisa), è stata eseguita stamane dalla Gdf. Per Manserra l’accusa è di peculato. Ad un dirigente del Comune è stato notificato un avviso di garanzia per abuso d’ufficio.

Come amministratore e socio di maggioranza della Digep srl, la società che dal mese di maggio

del 2011 gestisce la riscossione dei tributi del comune di Benevento, Massimiliano Manzerra si sarebbe appropriato di somme di denaro riscosse in nome e per conto del comune omettendone il

versamento all’ente pubblico, e per questo è finito in carcere con l’accusa di peculato.

Ad arrestare Manzerra, residente in provincia di Pisa, sono stati gli uomini della Guardia di Finanza di Benevento che questa mattina gli hanno notificato un’ordinanza di custodia

cautelare in carcere, emessa dal gip del Tribunale di Benevento per i reati di peculato e turbativa d’asta su richiesta della Procura al termine delle indagini dei finanzieri.

L’arresto di oggi – si legge in una nota del Procuratore della Repubblica di Benevento, Giuseppe Maddalena – giunge dopo che ad ottobre fu sottoposta a sequestro, nella sede municipale,

la documentazione inerente la gara d’appalto vinta dalla Digep.L’inchiesta ha permesso di accertare un ammanco di almeno 350mila euro nelle somme versate dalla società di riscossione al Comune. Nel corso delle indagini sono stati sinora sottoposti a sequestro il capitale sociale della DI.GE.P. Srl (pari a 5 milioni di euro interamente versati) e disponibilità mobiliari ed immobiliari riconducibili agli indagati per 250mila euro ed oggetti in oro e preziosi il cui valore è in corso di quantificazione.

(ANSA).

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.

ARTICOLI CORRELATI

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here