Cestistica Benevento sconfitta dall’Angri in gara 1.

0
11

Come si temeva, l’Angri si è confermata squadra di grande valore ed esperienza, gli uomini di coach Costabile sono riusciti a far valere il loro predominio fisico, con i sanniti che hanno pagato a caro prezzo le assenze di Zambottoli, Capitan Catillo ed Adrian Forray, da poco nominato miglior giocatore del campionato.
I salernitani sono stati bravi a ribaltare l’andamento di una gara che ha visto i sanniti avanti per buona parte del primo tempo, con un vantaggio massimo di 14 punti raggiunto a metà del secondo quarto, Guadagnola e soci sono riusciti, prima a raggiungere la parità all’intervallo, poi a prendere in mano la gara nel terzo quarto ed alla fine a  respingere al meglio il tentativo di rimonta dei padroni di casa.
La gara iniziava subito su ritmi altissimi con gli ospiti che con Dario Guadagnola facevano subito valere la maggior fisicità sotto canestro, nelle fila beneventane, dopo pochi minuti entravano in ritmo Buontempo e Cavalluzzo, con quest’ultimo autore di ben 5 triple nel primo quarto che si chiudeva sul 28 – 20.
Nella seconda frazione, la Cestistica rendeva la vita difficile agli ospiti con una grande difesa di tutti gli uomini sul parquet,  con un attacco ben equilibrato, poi, la squadra di Annecchiarico riusciva a raggiungere anche la doppia cifra di vantaggio, fino ad un massimo di +14.
Negli ultimi minuti prima dell’intervallo lungo, da una tripla di tabella del play Dimitru partiva la rimonta degli ospiti che riuscivano a colmare tutto il gap ed a chiudere sul 40 – 40 la prima metà di gara.
Al rientro dagli spogliatoi l’inerzia della contesa era tutta a vantaggio dell’Angri che, sospinta da un Dario Guadagnola in gran forma, toccava il suo massimo vantaggio sul +12.
La Cestistica era bloccata in attacco, con Cavalluzzo che non riusciva a liberarsi dalla ferrea marcatura posta ai suo danni, solo sul finire del terzo quarto, una fiammata di Iarriccio, con due canestri consecutivi nell’area pitturata, la riportava sotto nel punteggio.
Chiuso il terzo quarto sul 50 – 57 la truppa giallorossa passava alla difesa a zona per contenere lo strapotere nei pressi del ferro degli avversari, la tattica di Annecchiarico dava qualche frutto con l’Angri che sporcava di molto le sue percentuali nel tiro da 3 punti.
Con grande difficoltà la compagine beneventana riusciva a ridurre lo svantaggio, arrivando, con un canestro di Mascia su rimbalzo in attacco sul 56 -59, sembrava che la rimonta potesse completarsi da un momento all’altro ma una tripla di Buontempo, letteralmente sputata dal ferro e qualche errore di troppo nei tiri da sotto stoppavano le speranze sannite.
A poco più di due minuti dal termine la squadra di casa si portava fino al – 2 e aveva più di un tentativo per raggiungere la parità ma alla fine era di Vincenzo Guadagnola il canestro decisivo che dava all’Angri il primo punto della finale, con il punteggio fissato sul 63-67.
Purtroppo, proprio nella gara più importante della sua giovane storia, la Cestistica subisce la prima sconfitta sul campo di casa, dopo tre anni di imbattibilità.
Il primo round della finale va all’Angri che domenica sul campo di casa avrà il match point per conquistare la promozione in serie C, si giocherà domenica 25 maggio alle 21.00
Per la Cestistica, però, non è ancora giunta l’ora di arrendersi, i sanniti hanno dimostrato, nonostante le assenze di poter giocare alla pari contro il forte avversario e con un pizzico di precisione in più possono certamente provare a ribaltare le sorti della serie.
 
Cestistica Benevento Vs Angri Pallacanestro 63 – 67 (28-20, 40-40, 50-57)
Cestistica Benevento:  Iarriccio 4, Mascia 6, Cavalluzzo 27, Ucci 2, Nardone 3, Izzo 6, De Martino, Buontempo 15.
Angri:  Starace 4, Attianese 2, Dimitru 14, Albanese 7, Del Gaudio 5, Guadagnola D. 23, Guadagnola V. 8, Nocera 4.

 

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here