Brini: “Mercato? Obiettivi centrati. Non mi va di prendere in giro, con Di Somma e Vigorito…”

0
14

 Rassicura tutti in sala stampa, dove ha parlato dopo l’allenamento, affermando che è del tutto normale. Ecco quanto dichiarato dal trainer giallorosso: “Circostanze o casualità che hanno influito sul mercato non ce ne sono state. Avevamo degli obiettivi con la società e sono stati centrati, ma non era facile. Il nostro vantaggio è stato chiudere prima di partire per il ritiro, questo ci ha permesso di lavorare con grande tranquillità e con una squadra quasi completa. In questo momento il nostro calciomercato è chiuso, ma ufficialmente termina il 2 settembre. Non escludo che possano capitare delle situazioni utili per noi, ma attualmente ritengo che la rosa vada bene così. In ritiro, con Mancosu, ho parlato di questo ruolo da esterno. Ha le possibilità, ma da trequartista si trova a suo agio. Gli ho già detto che può essere utile, soprattutto con gli uomini si parla prima. Oltre a giostrare dietro agli attaccanti e agli esterni, deve fare anche l’attaccante. Lui se lo sente di fare, ma non sarò io a metterlo in difficoltà. L’esterno, però, gli veniva un po’ complicato e ho preferito chiedere Alfageme. Qui non ci sono prime scelte, ma tutti sono a disposizione e accetteranno le mie decisioni. Qualche gerarchia c’è ed è normale che ci sia, l’ossatura di una squadra non puoi cambiarla. Ho voluto questa situazione perché il campionato è lungo e sono 38 partite oltre alla Coppa Italia. Alfageme si trova bene a sinistra, anche perché essendo destro può rientrare e tirare. In ritiro hanno lavorato tutti alla grande, dai portieri agli attaccanti. Siamo partiti prima proprio per dare un certo tipo di impronta, i giocatori dovranno essere pronti quando sarà il momento. Per l’inizio del campionato non siamo al top, ma saremo a buon punto. Dovessi dire una percentuale, direi più del 60%. Mettendo da parte l’allenamento odierno, ma con ritmi elevati, ho avuto buone risposte per quel che riguarda le indicazioni date. Siamo tutti bravi a fare un gruppo, ma il problema è fare una squadra. Ciò che mi è piaciuto è stato il comportamento che tutti hanno tenuto fuori la squadra. In tanti ritiri fatti non ho mai visto una cosa del genere, ma non disturbare o creare situazioni negative, i ragazzi sono stati eccezionali. Non mi sono mai preoccupato del lavoro. Il campionato? Fino a quando non sapremo i gironi sarà difficile, ma mettere insieme 8 squadre campane potrebbe creare delle difficoltà a livello di ordine pubblico. La cosa migliore è dividere e cercare di capire quali tifoserie possono andare in trasferta in Campania e quali no. Se saiamo noi a dare l'occasione, non si può dare sempre la colpa ai tifosi. Sarebbe facile dire togliamo una squadra o l’altra e poi decidiamo noi, non è giusto fare un campionato dove ci siano cinque o sei squadre all’altezza di poter vincere il campionato o di far bene: in questo modo si toglierebbe la possibilità, a chi vuole, di ben figurare. La fascia Bassini-Alfageme? Ci vuole più coraggio, anche con Som vale lo stesso discorso. Non si può lavorare sulla fascia quando si è titubanti su certi movimenti. I giocatori lo devono fare e lo faremo perché c’è un mese di tempo. Celjak e Melara si conoscono a memoria, hanno giocato insieme per sei mesi, ma sulla fascia sinistra c’è da migliorare. La Correggese? Bisognerà valutare chi starà bene e chi non avrà problemi, ma per il resto dovrebbero essere tutti ok ad eccezione di Marotta. Né Di Somma, né io e nè il Presidente ha parlato di vincere il campionato. Abbiamo parlato di far bene, a me non mi va di prendere in giro. La squadra è per 7/11 nuova: va assemblata e smussata, poi vedremo durante la stagione cosa verrà fuori. In rosa non c’è nessuno oltre i trenta anni, abbiamo un'età media inferiore di quella precedente. La squadra attuale è già pronta per la stagione successiva e questo si chiama programmazione”.

Christian Schipani 

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here