LA SCOMPARSA DEL MAESTRO GIGI GIULIANO

0
70

La musica cambiava e le formazioni orchestrali si vedevano costrette a coniugare " 'O Ciucciariello" con "Night and day"; "Begin the beguine" con "Malafemmena" ; "Core 'ngrato" con "Sturdust"…Improvvisamente Gigi Giuliano, un diciassettenne, compariva con il suo raffinato pianoforte nei "Mak P100", in serate sulla pista di Telese Terme, al Circolo Sociale e ai Festival. Gigi Giuliano, lasciati i "Nomadi", costituì "The Freemen", gruppo d'ispirazione Rhythm and blues. Dopo aver suonato con Vittorio Marsiglia a Napoli e nei "Nights" di tutta Italia, nel 1995 ideò il "Bengio Festival", che da "Castrocaro" del Sannio, divenne una rassegna di grande spessore artistico – musicale a livello nazionale e internazionale. Per chiudere il cerchio, la sera del 29 Gennaio 2014, riceve da Enrico Salzano, fraterno amico, il Premio alla carriera – ottava edizione. Naturalmente è difficile, inopportuno stilare una graduatoria dei musicisti eccellenti della nostra città bisogna pur dire che Gigetto resta certamente il pianista più invidiato.
Enrico Salzano
 

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here