Abusivismo commerciale e contraffazione. Riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica.

0
129

Nel corso dell’incontro i Rappresentanti delle Forze dell’ordine hanno illustrato le attività pianificate per contrastare l’immissione sul mercato e la commercializzazione di prodotti non originali che incidono negativamente sulla libera e corretta concorrenza, arrecando gravi danni all’economia legale con negativi riflessi sotto il profilo della sicurezza e talvolta anche dell’ordine pubblico.
In particolare il Comandante provinciale della Guardia di Finanza, nel riferire di aver impartito specifiche direttive ai reparti territoriali per l’intensificazione dei servizi, ha evidenziato che, come risulta dal Sistema Informativo Anti Contraffazione, dall’inizio dell’anno sono già stati sottoposti a sequestro 53.000 pezzi.
Sebbene sul territorio provinciale il fenomeno risulti sufficientemente contenuto, è stata tuttavia concordata una mirata attività di controllo nella considerazione che  nel periodo estivo, soprattutto in occasione di eventi programmati di pubblico spettacolo che richiamano  affluenza di turisti, si registra un sensibile aumento della presenza di soggetti, in particolare extracomunitari, dediti al commercio abusivo di prodotti di provenienza illegale.
Si è convenuto quindi di sensibilizzare opportunamente i Sindaci in merito al controllo dell’osservanza delle norme in materia di commercio,  demandato alle polizie locali.
Gli esiti delle attività saranno oggetto di approfondimento per eventuali ulteriori iniziative di prevenzione e contrasto.
È stata inoltre programmata una riunione con la Camera di Commercio per la predisposizione di un protocollo di legalità sul tema in argomento.
L’abusivismo commerciale e la contraffazione saranno inseriti  nell’ambito delle campagne per l’educazione alla legalità nelle scuole svolte dalle Forze dell’ordine,  al fine di diffondere la consapevolezza dei danni e dei pericoli derivanti dall’acquisto di prodotti contraffatti nonché degli illeciti arricchimenti che ne derivano.
 

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here