Dall’11 settembre sarà nuovamente possibile bruciare sfalci e potature

0
17

Il comma 8 dell’art. 14 del decreto legge modifica, infatti, l’articolo 256 bis del decreto legislativo 152/2006 (Codice Ambientale) relativo alla combustione illecita di rifiuti, prevedendo che tali disposizioni “non si applicano al materiale agricolo e forestale derivante da sfalci, potatura o ripuliture in loco nel caso di combustione in loco delle stesse. Di tale materiale è consentita la combustione in piccoli cumuli e in quantità giornaliere non superiori a tre metri steri per ettaro nelle aree, periodi e orari individuati con apposita ordinanza del Sindaco competente per territorio. Nei periodi di massimo rischio per gli incendi boschivi, dichiarati dalle regioni, la combustione di residui vegetali agricoli e forestali è sempre vietata”.

“Conseguentemente, d’ora innanzi – spiega l'assessore Castiello – sarà possibile bruciare il materiale agricolo e forestale derivante da sfalci, potatura o ripuliture, fermo restando il divieto relativamente al periodo in cui la Regione Campania ha dichiarato lo stato di grave pericolosità per gli incendi boschivi sul territorio, che per il 2014 è stato fissato dal 7 luglio al 10 settembre 2014. Divieto che, naturalmente, è stato recepito nell’ordinanza sindacale che abbiamo emesso nelle scorse ore”.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here