Al MARTE, l’esposizione dell’Artista Sannita Mario Ferrante

0
5

La mostra. Una retrospettiva su un ventennio d’arte, da Rio a Napoli. Il percorso della mostra mette in evidenza, attraverso un allestimento guidato da poetiche didascaliche, momenti che hanno segnato l’arte di Ferrante, dall’inizio degli anni ‘90 al 2014. La rassegna muove da “Negro no coracao”, un viaggio pittorico che attraversa il Brasile come luogo di riflessione e momento di stimolo e conoscenza di culture, per arrivare poi a “Moving people” che apre le porte a città metropolitane quali Napoli, luogo di custodia d’arte, fino a “Kepos”, l’ultimo viaggio in esposizione che ha l’ambizione di porsi in un momento di pausa e ripensamento retrospettivo e speculare: immagini che duplicano la realtà, imprigionando l’anima nell’immagine riflessa, proprio come accade con lo specchio, ove si assiste al tema del doppio. Tre storie, che percorse insieme, raccontano l’anima e la vita attraverso la morte dell’arte. Contestualmente, il maestro presenta il progetto internazionale di OFFICINA ITALIANA DELLE ARTI, promosso in collaborazione con l’associazione culturale COSMOART.

Mario Ferrante. Nasce nel 1957 a Roma ma le sue radici affondano nella coinvolgente cultura brasiliana che permea tutte le sue opere. Vive e lavora tra Roma e Benevento, dove ha stabilito una sua bottega d’arte, frequentata da giovani allievi. I suoi primi anni da artista lo vedono impegnato in mostre collettive ma ben presto approda alla sua prima mostra personale ambientata nel chiostro di Chiostro di Sant’Andrea delle Fratte a Roma. Da questo momento inizia un largo consenso di pubblico e di critica che gli consentono di scalare le vette del mondo artistico. Entra a far parte degli artisti commercializzati dal Gruppo poligrafico e Zecca dello Stato, continuando ad esporre a Palazzo Venezia a Roma, the National Art Club a New York, Ambasciata del Brasile a Berlino. La sua arte si esprime anche attraverso la realizzazione di sculture in bronzo, tra cui la più importante, dedicata al Principe longobardo Arechi II, fa mostra di sé nel cuore della città di Benevento a pochi passi dalla chiesa di Santa Sofia. Da non dimenticare il bronzo realizzato per il Premio Bearzot, donato al Papa, Benedetto XVI. Alcune sue tele sono state immortalate nella pellicola cinematografica intitolata “Manuale d’amore 3”: possono intravedersi nella scena con Robert De Niro e Monica Bellucci. Il 2013 rappresenta per Mario Ferrante un anno significativo: Italia, Montecarlo, Berlino, infine Brasile a Rio de Janeiro dove l’Us Acli premia il mitico Pelè con il Premio Bearzot (una scultura in bronzo creata dal Maestro Ferrante).

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here