Con il gesuita Francesco Occhetta si parlerà di giustizia riparativa presso la casa circondariale di Benevento

0
122

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.

La giustizia capovolta. Verso un modello di giustizia riparativa”, è il tema dell’incontro che la Diocesi di Benevento, attraverso l’Ufficio per i Problemi Sociali e il Lavoro, organizza venerdì 21 aprile alle ore 10.30 presso la Casa Circondariale di Benevento.

L’incontro pone all’attenzione del mondo carcerario, della giustizia, delle istituzioni e del sociale le riflessioni di Padre Francesco Occhetta gesuita e scrittore de “La Civiltà Cattolica”, autore del libro “La giustizia capovolta. Dal dolore alla riconciliazione” (Edizioni Paoline, 2016).

La giustizia riparativa è stata, inoltre, scelta da CIVES – Laboratorio di formazione al bene comune come tematica da approfondire nell’ambito delle attività della decima edizione attualmente in corso.

Il programma dell’incontro a tema è così articolato: saluta Maria Luisa Palma Direttrice della Casa Circondariale di Benevento, introduce Ettore Rossi Direttore Ufficio per i Problemi Sociali e il Lavoro della Diocesi di Benevento, relaziona Padre Francesco Occhetta S.J. scrittore della rivista “La Civiltà Cattolica”, interviene Bruno Vallefuoco familiare di vittima innocente e coordinatore regionale del settore memoria di Libera, seguono le testimonianze di alcuni detenuti, conclude S. E. Mons. Felice Accrocca Arcivescovo di Benevento.

Obiettivo dell’incontro è riflettere su un importante cambio di paradigma nella concezione della giustizia. Scrive a questo proposito Padre Francesco Occhetta:Occorre che il sistema penale classico, basato sul modello di “giustizia retributiva”, che ha come fini degli oggetti – la legge è stata infranta e si deve dare una punizione -, lasci spazio al modello di giustizia ripartiva o riconciliativa, che colloca la centro dell’ordinamento la vittima e la società”.

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.

ARTICOLI CORRELATI

Questo contenuto è bloccato. Accetta i cookie per visualizzarlo.


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here