Fatebenefratelli: sindacati proclamano stato di agitazione dei lavoratori

0
70

“Stato di agitazione dei lavoratori dell’Ospedale Sacro Cuore di Gesù Fatebenefratelli di Benevento. Il 29 dicembre i dipendenti hanno tenuto, insieme ai rappresentanti delle organizzazioni sindacali Uil Fpl e Fp Cgil, con una presenza massiccia di lavoratori non in servizio, un’assemblea dalla quale si è evidenziato il disagio per le condizioni di lavoro.

Prima di tutto è stato espresso grosso rammarico per i carichi di lavoro insostenibili. In particolare nelle Sale Operatorie, non è garantito il cambio di turno per gli infermieri i quali, per le sedute operatorie ordinarie, dovrebbero avere il cambio alle ore 14.00 ma sono costretti a permanere per diverse ore in più perché il personale non è sufficiente a garantire il prolungamento delle sedute stesse.

Nell’assemblea i lavoratori hanno anche rimarcato che in ogni sala operatoria sono presenti solo un infermiere strumentista e un infermiere di sala, mentre nella maggior parte dei casi non c’è la presenza di un infermiere nella sala risveglio.

I dipendenti fanno notare che la situazione si verifica da anni, nonostante la Direzione Sanitaria e i primari responsabili delle liste operatorie siano al corrente delle problematiche. Ciononostante, non si registra ancora alcun tipo di risposta.

Questa condizione provoca un aumento del carico di lavoro anche per i reparti di Chirurgia, Ortopedia e Ginecologia.

Le cose non vanno meglio nei reparti di degenza ordinaria, dove gli Operatori Socio-sanitari (OSS) sono totalmente assenti e quindi gli infermieri devono farsi carico anche delle competenze di questi ultimi con un demansionamento della figura professionale. In più gli infermieri si occupano anche delle richieste di esami, dell’aggiornamento della terapia in seguito al giro visita, rubando tempo all’assistenza ai pazienti.

I dipendenti esprimono preoccupazione perché con questi carichi di lavoro si potrebbe mettere a repentaglio la qualità assistenziale, nonostante gli enormi sforzi profusi dai lavoratori stessi. In questa situazione, invece, si bada al raggiungimento degli obiettivi numerici fissati dall’Azienda e dai primari, dimenticando che gli obiettivi stessi non possono prescindere dalla qualità del servizio. Aspetto, questo, particolarmente sorprendente giacché parliamo di un’Azienda ospedaliera religiosa che, tra l’altro, è finanziata con fondi pubblici.

Per quanto sopra esposto le Organizzazioni Sindacali Uil Fpl e Fp Cgil indicono lo stato di agitazione e chiedono l’attivazione di un Tavolo Prefettizio per trovare una soluzione adeguata alla gravità della situazione.

Le organizzazioni sindacali altresì confidano in un intervento diretto dell’Arcivescovo di Benevento, Monsignor Felice Accrocca, che sempre ha manifestato la sua sensibilità sulle necessità dei pazienti di essere curati nel miglior modo possibile.

In caso di mancato riscontro da parte del Prefetto, Uil Fpl e Fp Cgil si riservano l’organizzazione di ulteriori forme di protesta”.

 

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here