Serie A: Napoli resta primo, Lazio super Immobile show. Milan di misura,Toro riparte con Mazzarri, Coda lancia Benevento

0
59

Il Napoli supera con qualita’ e un po’ di fatica il Verona blindando la testa della classifica, in attesa del posticipo Cagliari-Juventus. Merito del lavoro di Allan e delle giocate di Insigne, ma gli ospiti chiedono invano il Var sul primo gol di Koulibaly. Ma la scena se la prende tutta la Lazio che da’ una lezione di gioco in casa della Spal con un 5-2 prepotente e poker di Ciro Immobile che supera Icardi: con 20 gol in 20 giornate (di cui 18 in campo) l’attaccante da’ spettacolo e la Lazio s’invola in zona Champions. Serve un gol fortunoso di Bonucci al Milan per superare il Crotone di Zenga, ma le occasioni mancante sono tante. Successo in rimonta per il Benevento che atterra la Samp e comincia a sperare in un miracolosa rimonta stile Crotone grazie a due gol e un assist di Coda. Tre punti per il Genoa contro un buon Sassuolo. Per il Napoli gara dominata ma difficolta’ a trasformare in gol le tante occasioni. Mertens prima e Immobile di testa poi colpiscono il palo, Nicolas dirige una difesa molto piu’ attenta del solito. Il gol del vantaggio e’ pero’ contestato dagli ospiti (Pecchia viene espulso): Koulibaly segna appoggiandosi un po’ su Caracciolo. Abisso, che aveva da poco annullato un gol con il Var ai napoletani, convalida senza esitare. I padroni di casa raddoppiano con Callejon che torna al gol dopo oltre due mesi. Spumeggiante e irresistibile, la Lazio strapazza la Spal e ripropone la sua candidatura Champions. Luis Alberto ispira, Immobile asfalta i padroni di casa con un poker strepitoso. Apre i giochi una finezza di Luis Alberto, poi c’e’ un discusso rigore che Antenucci trasforma. Comincia l’Immobile-show con due gol in contropiede su assist smarcanti di Luis Alberto e Milinkovic. Un’imprecisione di Wallace libera Antenucci per la doppietta, ma la Lazio tracima ancora col suo centravanti: prima di testa e poi in mischia fissa il 5-2. Non ha fortuna Walter Zenga quando torna a San Siro: gagliarda prova difensiva del Crotone con un Milan continuo ma poco lucido in zona gol. I rossoneri colpiscono un palo con Suso poi passano con un po’ di fortuna: su angolo Cordaz respinge male sulla testa di Bonucci che trova un insperato vantaggio. Poi il portiere salva su Bonaventura e l’arbitro annulla un gol di Kessie per azione falloso. Non sara’ un mago ma Walter Mazzarri porta bene al Toro che si sblocca travolgendo il Bologna alla prima del nuovo tecnico. I granata sembrano essersi liberati di un peso psicologico perche’ giocano con continuita’ e semplicita’. Vantaggio con un colpo di testa di De Silvestri, poi Sirigu para un rigore di Pulgar che poi lascia andare Niang per il raddoppio. Chiude Iago Falque. Con questa iniezione di fiducia comincia per il Toro un altro torneo. Il Benevento comincia a prendersi gusto: dopo il primo successo sul Chievo bissa con la Samp che era andata in vantaggio con Caprari. I campani colpiscono due pali ma pareggiano con un tiro a giro di Coda. I doriani restano in 10 per espulsione di Sala per fallo da ultimo uomo e sulla punizione ancora Coda trova una traiettoria splendida. Le reti finali di Brignola e Kownacki fissano il 3-2 che lancia alla riscossa il Benevento. Tre punti pesanti per il Genoa dopo una gara molto combattuta col Sassuolo: Matri sfiora in vantaggio ma il gol decisivo, di testa, e’ di Galabinov. Il Genoa risale verso il centroclassifica.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here