ARCO DI TRAIANO DI BENEVENTO PROTAGONISTA ALLA MOSTRA SULL’IMPERATORE TRAIANO

0
44

Una delegazione dell’Unifortunato in visita ai

Mercati di Traiano – Museo dei Fori Imperiali – Roma

Nell’ambito delle attività collegate alla mostra “Traiano – Costruire l’Impero, creare l’Europa” in esposizione ai Mercati di Traiano di Roma ed al progetto di ricerca e terza missione “L’Optimus Princeps: diritto, religione e amministrazione all’ombra dell’Arco di Traiano di Benevento”, l’Università Giustino Fortunato in collaborazione con l’Università di Ferrara è stata protagonista di un seminario di studi sull’Arco di Traiano, presso i Mercati di Traiano di Roma.

La giornata, che ha visto una ricca e qualificata delegazione proveniente da Benevento, ha preso il via con i saluti di Lucrezia Ungaro in rappresentanza della Sovrintendenza ai Beni Culturali Capitolina e del Magnifico Rettore dell’Unifortunato Augusto Fantozzi. Successivamente Livio Zerbini dell’Università degli Studi di Ferrara ha presentato la Mostra “Traiano. Costruire l’Impero, creare l’Europa”.

Il progetto di ricerca e terza missione: “L’Optimus Princeps: diritto, religione e amministrazione all’ombra dell’Arco di Traiano di Benevento”, è stato illustrato nei minimi dettagli dai docenti dell’Unifortunato Alessio Guasco e Paolo Palumbo.

E’ toccato, poi, al Prof. Marcello Rotili dell’Università della Campania Luigi Vanvitelli relazionare su “l’Arco di Traiano nella storia di Benevento”.

I successivi interventi sono spettati ai docenti: Giovanni Papa – Università degli Studi di Napoli Parthenope su “Gli Alimenta nella politica traianea”; Alessandro Balielo (Sovrintendenza Capitolina) “L’evergetismo delle donne in età traianea” e ad Armando Arpaja, Romaneide, siamo tutti figli di Traiano – Romiossini.

Al termine del seminario, il Prof. Livio Zerbini, curatore della Mostra su Traiano, ha accompagnato la qualificata delegazione dell’Università Telematica Giustino Fortunato e della Scuola Superiore per Mediatori Linguistici Internazionale, nell’affascinante esposizione, che resterà aperta al pubblico fino al 16 settembre 2018.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here