NAPOLI. Casolare trasformato in arsenale, arresto nel Napoletano. Armi e munizioni nascoste in sacchi bianchi e cisterne plastica

0
93

Aveva trasformato un casolare di campagna in un deposito di armi e munizioni. Un nascondiglio ritenuto sicuro ma che non è sfuggito ai carabinieri, che hanno arrestato l’uomo e sottoposto a sequestro le armi. Èaccaduto a Sant’Anastasia (Napoli) dove i carabinieri del nucleo investigativo di Torre Annunziata hanno arrestato un disoccupato di 45 anni (del quale non è stato fornito il nome), già noto alle forze dell’ordine, residente a Scisciano: è accusato di ricettazione, porto e detenzione illegale di armi e detenzione illegale di munizioni per armi comuni e da guerra. Tutto è iniziato quando i militari dell’Arma hanno visto l’uomo nei pressi del casolare, visibilmente agitato, mentre spostava grossi sacchi bianchi e poi si allontanava frettolosamente. Intervenuti, i carabinieri hanno bloccato il quarantacinquenne. Perquisendo l’immobile e le sue pertinenze sono stati trovati in una cisterna di plastica due fucili da caccia con matricola abrasa e due carabine con le munizioni; nei sacchi bianchi c’erano invece oltre 3.000 munizioni (più di 200 delle quali per armi da guerra) e materiale per il confezionamento dei colpi (polvere da sparo, ogive e bossoli). Gli inquirenti ritengono che armi e munizioni fossero custodite in attesa di potenziali acquirenti. L’arsenale è stato sequestrato: sulle armi saranno effettuate le indagini dattiloscopiche e balistiche del caso per capire se siano state usate in recenti fatti di cronaca.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here