Allarme morbillo, due morti a gennaio

0
318

Sono stati 164 i casi di morbillo registrati a gennaio nel nostro Paese, con due morti. Lo afferma il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, intervenuta oggi a Unomattina. I due decessi hanno riguardato pazienti adulti, uno di 38 e uno di 41 anni; a causare la morte è stata un’insufficienza respiratoria.”Gli ultimi dati di gennaio 2018 – ha detto il ministro – ci dicono che ci sono stati 164 casi di morbillo e purtroppo due persone sono decedute per insufficienza respiratoria”.

Per queste 164 persone “abbiamo avuto una serie di ricoveri molto importanti. Non fatevi abbindolare da personaggi che stanno cavalcando posizioni antiscientifiche – ha ammonito Lorenzin – Il morbillo è una malattia serissima, si può morire, ci sono complicanze gravissime. Vaccinarsi – ha ricordato – è l’unica possibilità per stare bene. Bisogna vaccinare i bambini e mettere in sicurezza gli adulti che non si sono vaccinati quando erano piccoli”.

L’Istituto superiore di sanità conferma i dati anticipati da Lorenzin: “Dal 1 al 31 gennaio 2018 sono stati segnalati 164 casi di morbillo da 12 Regioni, inclusi due decessi. Oltre l’80% dei casi è stato segnalato da quattro Regioni: Sicilia, Lazio, Calabria e Liguria“. La Sicilia “ha riportato l’incidenza più elevata”, recita il rapporto mensile, che riporta i risultati del Sistema di sorveglianza integrata del morbillo e della rosolia. L’età media dei casi è di 25 anni, con pazienti che vanno dai 2 giorni ai 62 anni. Il 93% dei casi, fa sapere l’Iss, era non vaccinato o vaccinato con una sola dose.

Sono stati segnalati 14 casi tra bambini con meno di 1 anno di età. In totale il 40% dei pazienti ha sviluppato almeno una complicanza, mentre oltre la metà è stato ricoverato. Sono stati segnalati 12 casi di polmonite. “Sono decedute per morbillo due persone, non vaccinate, rispettivamente di età 38 e 41 anni, entrambe per insufficienza respiratoria”. Dal 1 al 31 gennaio 2018 è stato segnalato, inoltre, 1 caso di rosolia.

ADNKRONOS

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here