“Giornata dei Giusti”: martedì 6 marzo al Liceo Scientifico “G. Rummo”

0
152

Presso il Liceo Scientifico “G. Rummo” in via Santa Colomba di Benevento, con il patrocinio della Provincia e dello stesso Liceo, è stata fissata per martedì 6 marzo 2018 alle ore 10.30 la celebrazione della “Giornata dei Giusti”, da quest’anno Solennità civile italiana secondo quanto disposto dal Parlamento lo scorso 7 dicembre.

Lo comunica il Presidente della Provincia Claudio Ricci che ricorda come l’evento al Liceo “Rummo” sia stato promosso dalla giornalista Enza Nunziato, rappresentante per la Campania della Fondazione internazionale “Gariwo – La Foresta dei Giusti”, presieduta da Gabriele Nissim, con la collaborazione della Lega Italiana per i Diritti dell’Uomo e del Circolo Manfredi di Benevento.

Istituita, su proposta della Fondazione Gariwo di Milano, dal Parlamento Europeo nel maggio del 2012, la “Giornata dei Giusti” era stata già celebrata negli anni passati dalla Provincia di Benevento e dal Liceo Scientifico “Rummo”, ancor prima dunque che diventasse Solennità civile italiana.

Essa, infatti, come ha ricordato Ricci, vuole rendere omaggio a coloro che testimoniarono nel concreto la loro fedeltà ai migliori sentimenti umani, spesso sacrificando anche la vita, per difendere ed aiutare le vittime dei soprusi e della violenza di qualunque provenienza (dittatura politica, mafiosa, religiosa, etc.)

La “Giornata dei Giusti” 2018, per Benevento, ha come quale tema conduttore “La Scelta dei Giusti” ed è dedicata a:

Rocco Chinnici, magistrato ucciso nel 1983 a Palermo dalla mafia, considerato l’ideatore del primo pool antimafia;

-Emilio Alessandrini, magistrato, ucciso nel 1979 a Milano da terroristi di estrema sinistra: si era occupato anche dello scandalo del Banco Ambrosiano;

-Elio Bartolozzi, contadino, durante la II Guerra Mondiale soccorse alcuni partigiani feriti: scoperto, per una delazione, fu portato nei campi di concentramento senza tradire mai i compagni;

Harald Edelstam, Diplomatico Svedese in Cile, nel 1973, aiutò i perseguitati politici di Pinochet;

Giovanni Palatucci, ultimo Questore di Fiume, morto a Dachau dove fu rinchiuso per aver salvato dalla deportazione un gran numero di Ebrei sottraendoli alla barbarie nazista;

-Faraaz Hossain, studente universitario che a Dacca in Bangladesh, durante un attacco terroristico islamici, pur potendosi salvare perché musulmano, non volle abbandonare le sue amiche vestite all’occidentale.

Il programma della celebrazione 2018 prevede alle ore 10.30 la messa a dimora nei Giardini del Liceo Scientifico di alberi in onore dei Giusti, secondo la scelta fondativa di Gariwo che appunto prevede di realizzare la “Foresta dei Giusti”.

Successivamente, alle ore 11.00, presso l’Aula Magna del Liceo Scientifico “G. Rummo” è previsto il collegamento via Skype con la sig.ra Caroline Edelstam, nipote dell’Ambasciatore Harald.

Sarà presente alla cerimonia Massimo Bartolozzi, figlio di Elio, la cui storia è stata raccontata dallo scrittore Frediano Sessi, ospite nella Sala Consiliare della Rocca dei Rettori lo scorso 3 febbraio.

Nel corso della cerimonia al Liceo “Rummo”, inoltre, sarà diffuso un video messaggio che Marco Alessandrini, figlio di Emilio, ha dedicato agli studenti di Benevento, tra l’altro invitandoli nella città di Pescara per aprire un Giardino dei Giusti nel Liceo Classico frequentato dal suo papà.

Un altro messaggio sarà quindi letto agli studenti: lo invierà Gabriele Nissim, presidente della Fondazione Gariwo, per dare atto al Sannio della partecipazione alla Giornata dei Giusti.

Alla Cerimonia interverranno: il Questore di Benevento, Giuseppe Bellassai, il Presidente della Provincia di Benevento Claudio Ricci, la dirigente scolastica del Liceo Scientifico “G. Rummo” Teresa Marchese, la Rappresentante Gariwo Enza Nunziato, il Presidente del Circolo Manfredi Francesco Del Grosso e la Sostituto Procuratore della Repubblica, dott.ssa Donatella Palumbo, segretario della Sottosezione di Benevento dell’Associazione Nazionale Magistrati.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here