Alternanza Scuola-Lavoro: al via progetto di Gesesa per “I.T.I. G.B. Lucarelli”

0
83

Con la presentazione ufficiale, avvenuta stamani presso l’I.T.I. G.B. Lucarelli di Benevento si è dato ufficialmente avvio al progetto di Alternanza Scuola-Lavoro di GESESA per la Scuola.
All’evento hanno partecipato la dirigente scolastica Maria Gabriella Fedele, la consigliera del CDA di GESESA Alessandra Itro, la Professoressa Maria Dolores Corbo referente per i progetti di Alternanza Scuola Lavoro dell’ITI Lucarelli, il responsabile delle Risorse Umane di GESESA Emilio Porcaro, il Responsabile Assets Esercizi Reti e Impianti Giovanni Tretola e il Tecnico di Conduzione Reti e Impianti Antonio di Rubbo entrambi di GESESA.

Il programma, offre alle classi quarte e quinte dell’istituto Tecnico Industriale l’opportunità di confrontarsi con professionisti sui temi dell’ambiente e dell’uso responsabile delle risorse naturali; per GESESA, l’iniziativa sarà l’occasione per promuovere sul territorio in cui opera, i valori della sostenibilità e far conoscere da vicino il mondo del Servizio Idrico Integrato.

Professionisti ed esperti dell’Azienda, denominati “Maestri di Mestiere”, entreranno nella scuola per aiutare gli studenti a sviluppare quelle competenze necessarie per lavorare nel mondo del Servizio Idrico Integrato.
Inoltre gli studenti saranno stimolati a realizzare progetti innovativi sui temi legati all’ambiente e all’acqua in particolare, volti alla salvaguardia e al benessere della collettività, mediante la valorizzazione e il risparmio delle risorse naturali.

Per l’ITI G.B.Lucarelli, questa collaborazione potrà essere il driver per creare un nuovo indirizzo di studi chiamato “Tecnico del Servizio Idrico Integrato “, un nuovo profilo professionale, che potrà dare nuove possibilità di lavoro alle generazioni future.

Per GESESA, i Maestri di Mestiere saranno: il responsabile degli Assets Reti e Impianti Giovanni Tretola, e il responsabile Conduzione Reti e Impianti Antonio di Rubbo.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here