De Zerbi:”presto per giocare, ma troppi interessi dietro”

0
222

A fine partita anche l’allenatore del Benevento De Zerbi era molto provato per quanto vissuto al Franchi: “All’inizio si è visto che siamo rimasti condizionati dal momento.

Dal mio punto di vista era troppo presto per giocare questa partita. Nel secondo tempo avremmo meritato anche qualche punto – ha detto il tecnico.

Oggi noi, con i tifosi, abbiamo onorato il calcio e Davide Astori.

I calciatori non sono dei robot che accendi a comando.

Capisco che il circo debba sempre andare avanti, ma il circo lo portano avanti degli uomini.

Questa settimana non abbiamo nemmeno visto i video della Fiorentina, perché nell’ultima partita c’era un ragazzo che non c’è più”.

Poi sul fatto di aver dovuto giocare questa partita a pochi giorni da quanto accaduto ad Astori e alla Fiorentina: ” Quando qualcuno capirà che dietro al calcio giocato ci sono delle persone, e quindi gli interessi di calendario, televisioni e sponsor verranno messe in secondo piano, sarà sempre troppo tardi. In un mondo di falsi preti, chi non capisce è perché non vuole farlo”.

“La modalità della morte di Davide ci ha scosso particolarmente – dice ancora De Zerbi -.

In ritiro, in hotel, si pensa sempre di essere protetti al riparo da ogni problema. La giornata di oggi ce la porteremo dentro”.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here