Rottura tra Forza Italia e Patrizia Maio. Assessora chiede chiarezza: “Incomprensibili colpevolezze”

0
127

L’Assessora Patrizia Maio, da mesi isolata dal gruppo consiliare di Forza Italia, ha inoltrato una richiesta al segretario cittadino, Vincenzo Sguera, per sollecitare i colleghi ad un incontro ‘vis-à-vis’ e fare chiarezza sui motivi della rottura, ma non sembra che quest’ultimi siano propensi ad un confronto.

Probabilmente il segretario Sguera incontrerà l’Assessora ai Servizi Sociali in veste di esponente del partito, ma i cinque consiglieri forzisti hanno appuntamento con il Sindaco proprio per avanzare la richiesta di sostituzione di uno dei due Assessori.

Il rinvio del suddetto incontro da parte di Mastella potrebbe essere dovuto al fatto che spera nelle dimissioni della Maio, ma lei non ci sta e passa al contrattacco, scrivendo una lettera ai consiglieri Orlando, Sguera, Capuano, Russo, Scarinzi; al Sindaco; al vice vicario Domenico Mauro; al responsabile provinciale di Forza Italia, Fernando Errico ed all’Assessore Reale.

I forzisti a Palazzo Mosti non sembrano ritenere più la Maio un punto di riferimento all’interno della Giunta. Il consigliere Russo giustifica la richiesta di dimissioni per “incapacità d’interlocuzione”, mentre il capogruppo Capuano ribadisce “una distanza tra gli indirizzi politici-programmatici del partito attraverso il gruppo consiliare e il modus operandi dell’Assessore alle Politiche Sociali”.

Patrizia Maio replica alle dichiarazioni dei consiglieri che le attribuiscono “incomprensibili colpevolezze” sostenendo di non intendere quali siano le critiche a cui non ha dato risposta, le azioni programmatiche che ha disatteso ed i documenti che non ha discusso. Inoltre non risparmia il partito, ritenendo che più volte, nel corso del mandato, ha tentato di stimolare l’interlocuzione, senza alcun riscontro. La Maio si dice, quindi, in attesa di conoscere i punti del programma forzista a cui non ha dato il suo appoggio e di comprendere le giustificazioni politiche del suo ‘isolamento forzato’.

 

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here