Bucchi: “Il Venezia è una squadra forte. Ho passato una notte insonne per scegliere la formazione”. IL VIDEO

0
140

Il Benevento, dopo la pausa della seconda giornata di campionato, è pronto a tornare in campo per la trasferta di Venezia. I Veneti, allenati da mister Vecchi, sono reduci dalla sconfitta nel derby col Padova e sono desiderosi di riscattare la prestazione negativa. Ecco, dunque, le parole di mister Bucchi alla vigilia della trasferta a Venezia: “Per quanto riguarda gli infortunati non potremo contare su Costa che ha una contrattura importante e Tuia che ha un fastidio al tendine. A questi si aggiungono Filogamo che ha fatto un intervento di pulizia e Bukata sempre per un fastidio al tendine. Antei non è pronto per i 90 minuti ma è sulla strada del recupero, ha molto entusiasmo si impegna e lo apprezzo tanto”. Alla domanda sugli avversari il tecnico risponde in questo modo: “Il Venezia è un’ottima squadra, ha mantenuto l’intelaiatura dell’anno scorso, ha ottimi giovani e un bravo tecnico. Ciò che temo maggiormente della trasferta veneta è il discorso ambientale. Oltre il viaggio dobbiamo fare quaranta minuti di battello per arrivare allo stadio, per di più di sera, per questo non dobbiamo distrarci”. Bucchi, inoltre riprende il discorso sulla preparazione della squadra in virtù della pausa forzata a cui sono stati costretti i giallorossi: “abbiamo bisogno di continuità, finora per il calendario non è stato possibile, dopo 18 giorni di attesa è quasi come una nuova partenza. È difficile stare a metà settembre con una sola partita sulle spalle ma dobbiamo gettarci tutto alle spalle e avere continuità. Dobbiamo ripartire dal primo tempo col Lecce. Per quanto riguarda Nocerino, prosegue il mister, ha un fastidio trascinato dalla partita con la Roma, preferisco non forzarlo e decidere domani mattina nell’ultimo test. Ho comunque tante valide alternative in ogni reparto, devo essere bravo io a trovare le onde positive del calciatore e sfruttarle facendoli giocare il più possibile. Cerco di mandare il messaggio ai miei ragazzi che tutti sono importanti ma nessuno è insostituibile, ora avremo quattro partite in sedici giorni ci sarà spazio un po’ per tutti. Dovrò essere bravo io a scegliere e loro a darmi la fiducia. Metto sul piatto della bilancia tanti fattori, lo stato di forma, come rispondono alla tenuta fisica, ho passato una notte insonne per scegliere la formazione”. Alla domanda sulla serie b a 19 squadre il mister risponde: “a noi ha toccato poco, pensiamo solo al Venezia, sicuramente tutto quello che è successo non fa bene a noi come sistema calcio. Nell’ anno in cui si registrano tanti abbonati, in cui Ronaldo sceglie di venire a giocare in Italia, tutte queste cose possono allontanare la gente dallo stadio. Non mi piace fare la vittima ma per noi è stata una situazione anomala per la mancanza di continuità, ma dobbiamo essere bravi noi a tenere alta la concentrazione”. Infine alla domanda su un potenziale duo di attacco composto da Coda e Asencio il mister afferma: “può essere un opzione valida, sono due giocatori complementari, non sono schiavo del sistema di gioco, il modo di attaccare è importante, anche senza punte possono esserci giocatori che vanno in attacco. Contro il Lecce Ricci, Asencio e Buonaiuto sono entrati con l’intento di spaccare la partita e l’hanno fatto”.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here