Benevento-Cittadella, le pagelle. Montipò una sicurezza. La decide il solito Bandinelli.

0
136

MONTIPò 6,5:  L’ estremo difensore, classe ’96, si fa trovare sempre pronto, sembrando un portiere navigato. Compie due interventi spettacolari facendo esplodere la curva.
VOLTA 6: è il più esperto della difesa a tre schierata da Bucchi e trasmette sicurezza all’intero reparto.
ANTEI 6: Finalmente riesce a giocare tutti e novanta minuti, non commette particolari sbavature, meritandosi la sufficienza.
GIAMFY 6,5: Gara molto propositiva per il ghanese, che oltre a un buon lavoro di copertura, si rende particolarmente insidioso sulla fascia.
SPARANDEO 6: buona partita del giovane difensore sannita. Schierato all’ultimo momento da Bucchi al posto di Di Chiara, non delude le aspettative.
TELLO 6: Solita partita a intermittenza per il colombiano, che nel primo tempo si propone spesso in avanti ma cala nella ripresa.
BUONAIUTO 6: Crea molte occasioni per i compagni, in particolare una a Ricci che fallisce, ma è impreciso nella fase di conclusione.
NOCERINO 6: quest’ oggi indossa la fascia di capitano, entra in campo tra i fischi ma la sua prestazione è  sufficiente in quanto detta bene i tempi a centrocampo. (63′ Volpicelli: il giovane della primavera mostra la sua personalità cercando subito una finalizzazione, peccato per il cartellino giallo).
CUCCURULLO 6,5: l’altro giovane della primavera di Bovienzo, schierato titolare da Bucchi, dimostra subito carattere e personalità. Esce tra gli applausi. (59′ BANDINELLI 7: Ha un impatto devastante sul match: entra, segna, porta il Benevento agli storici ottavi di finale di Coppa Italia e, probabilmente, salva di nuovo la panchina a Bucchi).
CODA 6,5: é il suo l’unico tiro in porta del primo tempo. Ci mette la solita grinta, manca di precisione sotto porta. (73′ ASENCIO 6,5: Suo è l’ assist per il gol di Bandinelli).
RICCI 5,5: Oggi poco incisivo, spreca una grande occasione solo avanti al portiere.
Allenatore – BUCCHI 6,5: Con una formazione rimaneggiata dagli infortuni, e con tanti giovani della primavera, riesce comunque a portare a casa un risultato storico per la strega. Per il bel gioco bisogna attendere ancora.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here