Decreto Salvini, interviene Delia Delli Carri

“In qualità di persona rispettosa della Costituzione e dei Diritti umani esprimo il mio dissenso alla legge 113/2018 o Decreto Salvini che intende cancellare brutalmente un faticoso processo di umanizzazione e di fratellanza. Non ci può essere crescita ed evoluzione senza humanitas, non possiamo ritornare all’hobbesiano “Homo homini lupus”, getteremmo via i sacrifici e l’evoluzione dei nostri predecessori che con processi lenti e faticosi hanno mostrato che si può veramente migliorare potenziando il sentimento, l’accoglienza, il rispetto dell’altro.

La storia ci insegna che le chiusure, i muri, il proibizionismo hanno incrudelito l’uomo, lo hanno reso malevolo, spregevole; l’amore, la solidarietà, l’altruismo lo hanno reso un gigante. Basti pensare alla grandezza titanica di una piccola donna: Madre Teresa di Calcutta che ha vinto la morte con l’amore, a Papa Francesco che avvicina alla chiesa i protestanti, i musulmani, gli eretici con le sue teorie di inclusione e di accoglienza. Apriamo i nostri cuori, diamo il meglio di noi stessi, siamo inclusivi, perché in quanto uomini siamo limitati, imperfetti, caduchi. Siamo tutti come le foglie al vento, precari, fragili, incerti. L ‘unica possibilità è l’amore che per Virgiliana memoria omnia vincit”

Delia Delli Carri

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here