Chiusolo: “Sterili attacchi a Mastella. Cosa hanno fatto ii precedenti esponenti istituzionali?”

Alcuni interventi critici nei confronti dell’Amministrazione comunale hanno caratterizzato questo fine settimana.

Gli stessi, però, non portano alcun utile contributo all’argomento del giorno: la sicurezza degli edifici scolastici.

Avremmo piuttosto preferito ascoltare, soprattutto da chi ricopre incarichi istituzionali, cosa è stato fatto dai precedenti ed attuali governi, nazionali e locali, per trovare soluzione ad una crisi nazionale, quella dell’edilizia scolastica, che parte dal lontano 2003 con l’Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri, n. 3274.

Basterebbe solo riflettere su questa data per farsi un po’ di conti e capire come l’argomento “sicurezza scuole” in tutti questi anni non sia mai stato affrontato coraggiosamente.

Di fronte al dilemma “sapere o non sapere” si è, infatti, sempre preferito scegliere quest’ultima possibilità.

Pertanto, se da una parte può essere apprezzabile la disponibilità istituzionale offerta da chiunque in difesa del territorio, dall’altra non si può non evidenziare, mi riferisco alle consigliere comunali del M5S, in che modo intendono intervenire presso la nutrita rappresentanza parlamentare sannita a cui fanno riferimento.

Senza alcuna possibilità di smentita, va dato merito alla nostra Amministrazione, e per essa al Sindaco Mastella, che fin dal suo insediamento ha affrontato con lucidità e senza gli isterismi un problema così delicato.

E ciò nonostante l’effettiva risoluzione dipendesse da una più vasta pianificazione nazionale e regionale. Per quanto ci riguarda, per questo o altri argomenti, continueremo a non nasconderci come fin qui hanno fatto gli altri, ma proseguiremo a svolgere la nostra attività politica -amministrativa affrontandoli con la solita decisione per assicurare, con quanto a disposizione, ciò che è meglio per la tutela della comunità.

Avv. Mariagrazia Chiusolo- Capogruppo Lista Noi Sanniti

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here