​​​​​Pentimento Schiavone, Rubano (Fi): “Il neo pentito dica la verità sui rifiuti interrati a Sant’Agata e dipani i dubbi sulla Fondo Valle”

“Nel 2014 siamo rimasti sotto choc dopo il ritrovamento di alcuni rifiuti interrati a Sant’Agata dei Goti, mai avremmo pensato che la cosiddetta Terra dei fuochi avesse diramazioni anche in provincia di Benevento. Ora, il neo collaboratore di giustizia Francesco Schiavone detto “Sandokan” dica tutto quello che sa sulla Terra dei fuochi in Campania e nel Sannio”. Così, il deputato Francesco Maria Rubano (Fi), anche sindaco di Puglianello, interviene sul pentimento dell’ormai ex boss del clan dei Casalesi Francesco Schiavone detto “Sandokan” a una settimana dall’ufficialità della notizia, ripercorrendo la storia di alcuni scavi che furono eseguiti in località Capellini – Palmentata dal Corpo Forestale dello Stato. “C’è altro da sapere su Sant’Agata dei Goti ? E sulla realizzazione della strada Statale Fondo Valle Isclero è possibile fare chiarezza su vecchie ferite relative allo smaltimento illegale di rifiuti? I nostri cittadini hanno bisogno di verità”, continua Rubano, capogruppo di Forza Italia e componente dell’ufficio di presidenza in commissione bicamerale sulle Ecomafie. “La Commissione Ecomafie alla Camera svolgerà un lavoro centrale alla luce della collaborazione del neo pentito Schiavone responsabile anche di crimini ambientali – auspichiamo su una collaborazione seria, onesta per consegnare ai cittadini la necessaria serenità. Lavorerò notte e giorno unitamente al presidente della Commissione, Jacopo Morro e a tutti i colleghi della Commissione ecomafie per analizzare il contenuto dei verbali di Schiavone, una volta ufficialmente noti, e valutare l’ipotesi dell’apertura di una indagine della Commissione – conclude Rubano – .Per ora a noi interessa preservare la salute della nostra popolazione”.

ARTICOLI CORRELATI