Boffa la Napoli Bari si farà

E’ quanto sostiene Costantino Boffa (Ulivo), componente della Commissione parlamentare Trasporti. “Pur essendo convinto che sia Prodi sia Bassolino, stiano lavorando per lo sviluppo e la modernizzazione del sistema della mobilità del nostro Paese, in particolare del Mezzogiorno – dice Boffa – ritengo inappropriati alcuni termini di questa discussione, nel merito della quale, vorrei sottolineare i limiti intrinseci di un confronto scaturito dall’analisi dei dati relativi ai soli interventi del Primo Programma di Infrastrutture Strategiche deliberati dal Cipe”. “E’ una direttiva, quella di Prodi, ‘burocratica’ e persino ovvia nel precisare che occorre cantierare solo le opere già approvate dal Cipe e, quindi, dotate di copertura finanziaria – prosegue – Una strategia di sviluppo non si imposta con una logica burocratica, perciò la direttiva è amministrativamente corretta, ma politicamente sbagliata. E bene ha fatto Bassolino a sollevare il problema”. “Tuttavia – continua – occorre evitare equivoci: la legge obiettivo rappresenta solo una delle fonti di finanziamento delle opere infrastrutturali prioritarie del Paese, insieme al Fas ai Programmi Operativi Regionali e Nazionali, ai fondi della Finanziaria per Anas e Ferrovie”. “Pertanto occorre evitare di trarre conclusioni affrettate riguardo alla sorte di alcune opere fondamentali come, ad esempio, il Tac ad Alta Capacità Napoli-Bari – ha sottolineato – A Caserta il Governo ha inserito quest’opera fra quelle prioritarie per il Mezzogiorno. La Napoli-Bari, in parte già finanziata, deve trovare l’ulteriore copertura finanziaria non solo con la Legge Obiettivo, ma con le risorse destinate al Mezzogiorno da altre fonti finanziarie”. “Il problema di fondo rimane – conclude – io stesso ho presentato in Commissione Trasporti una risoluzione con la quale chiedo una rimodulazione degli obiettivi contenuti nel documento Priorità Infrastrutturali presentato dal ministro Di Pietro”

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here