Emergenza idrica, associazioni consumatori presentano esposto alle Procura di Benevento e Campobasso

MDC, Lega Consumatori e Federconsumatori hanno richiesto il sequestro di tutta la documentazione inerente la gestione e la custodia delle sorgenti del Biferno in Boiano(CB). La cura delle suddette sorgenti – si legge nella nota delle associazioni – è affidata all’ Erim, ente istituito con Legge Regionale del Molise n. 31/80, successivamente divenuto azienda speciale Molise Acque.Come sottolineato da Francesco Luongo Presidente Provinciale del Movimento Difesa del cittadino, non sembra che un calo naturale delle sorgenti millenarie di Boiano nel Molise possa avvenire nell’arco di 12-24 ore, senza che alcun soggetto pubblico o privato tenuto alla cura ed allacustodia delle stesse, si accorga di un fatto di tale gravità non avvisando le competenti autorità, mettendo così in pericolo la salute di migliaia dipersone.Chiarimenti sono necessari anche da parte del Settore Acque ed Acquedotti della Regione Campania, che gestisce l’ acquedotto regionale del “Torano –Biferno”.Ancora per le associazioni è opportuno che Autorità giudiziaria indaghi sulla possibile sussistenza di atti compiuti da ignoti volontariamente e finalizzati alla riduzione della portata d’acqua all’interno dell’acquedottoTorano-Biferno ed alla conseguente interruzione della fornitura di acqua potabile alla città di Benevento.Le rappresentanze dell’utenza concordano con i contenuti dell’Ordine del giorno del Consiglio Comunale e chiedono un incontro urgente al Sindaco che non ha ancora convocato il Tavolo comunale permanente per l’utenza ed ilConsumo, ed alla Gesesa per una prima valutazione economica del disservizio che stanno subendo i cittadini. Infine Movimento Difesa del Cittadino, Lega Consumatori e Federconsumatori auspicano una celere individuazione delleresponsabilità dell’emergenza da parte delle autorità competenti al fine di avviare azioni giudiziarie di massa per il risarcimento dei danni che stanno subendo in queste ore buona parte dei cittadini e delle attività commerciali della città.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here