On. Errico: non sostenuto il nostro emendamento per riconoscimento diritti individuali

E’ quanto afferma il capogruppo regionale dell’Udeur, Fernando Errico, che aggiunge: ”Purtroppo la nostra proposta non è stata ammessa alla votazione in Aula perché non ha ottenuto le firme necessarie (a norma di regolamento) di altri consiglieri regionali”.Errico prosegue: ”L’Udeur conferma il proprio convincimento e la propria contrarietà in merito alle unioni familiari, tanto che sulle successive votazioni ha scelto di astenersi. Il nostro Gruppo resta convinto che il Consiglio regionale, nella sua interezza, oltre ogni schieramento di maggioranza e di opposizione, non abbia colto l’occasione per giungere alla formulazione condivisa di un articolo del nuovo Statuto regionale che avrebbe certamente tenuto conto di tutte le sensibilità culturali e politiche”. ”Di fronte a scelte di principio e al dovere di difendere valori irrinunciabili, l’Udeur ha mantenuto ferma la sua posizione. Altri consiglieri hanno ritenuto di regolarsi diversamente, assumendosene, ciascuno e personalmente, la responsabilità”.Ecco il testo del sub-emendamento ad un comma dell’articolo 9 proposto da Udeur e Idv, che non ha ottenuto le firme a sostegno di altri consiglieri regionali (occorrevano almeno 12 firme, Udeur ed Idv ne hanno raccolte 10):”…Il riconoscimento ed il sostegno alla famiglia senza far mancare la tutela dei diritti individuali delle persone così come richiamato dalla Costituzione italiana e nell’ambito della legislazione nazionale”

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here