Casa: in Campania +2,7% per il mercato residenziale

 Questo quanto emerge dai dati divulgati dall'Agenzia delle Entrate (OMI) in merito alle compravendite nell'anno 2015 e dalla rilevazione di Casa.it sui primi due mesi del 2016. Il 2015, come riportato dall'Agenzia delle Entrate, si è dunque archiviato con il segno positivo: le compravendite di abitazioni in Campania sono state 27.666 (+5,6% rispetto al 2014), e analizzando i singoli comuni capoluogo vediamo che a Salerno sono aumentate del 18%, a Napoli del 6,6% e a Caserta del 6,3%. Pressoché stabili ad Avellino (+0,3%) mentre l'unica eccezione risulta Benevento, dove si è registrata una flessione del 2,6%. Trend positivo confermato anche dalla rilevazione effettuata dall'Osservatorio di Casa.it (www.casa.it) anche per i primi due mesi del 2016. A febbraio 2016, rispetto allo scorso anno, la domanda di abitazioni nella regione è cresciuta del 2,7% e l'incremento coinvolge tutte le città. In particolare, le più "dinamiche" risultano Salerno (+3,9%) e Napoli (+3,3%). Seguono Avellino (+2,3%), Caserta (+2,2%) e Benevento (+1,9%). Sul fronte dei prezzi degli immobili residenziali in offerta sul mercato in Campania, nei primi due mesi, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, si registra a livello regionale una contrazione dello 0,8%, dato che ricalca il trend nazionale. Prezzi in calo in quasi tutte le principali città, con Napoli (-3,6%) e Salerno (-3%) in testa alla classifica. Calo più contenuto a Caserta (-0,9%) e Avellino (-0,7%). Una eccezione Benevento, dove i prezzi sono cresciuti del 4,5%. Sempre in Campania, il prezzo medio di un'abitazione oggi sul mercato è di circa 2.060 euro/mq e il budget medio a disposizione per l'acquisto è di quasi 208 mila euro. Salerno (2.700 /mq) e Napoli (2.650 /mq) sono le città più care mentre Benevento (1.400 /mq) la più economica. Nelle altre città, a Caserta il costo è di 1.960 /mq e ad Avellino di 1.600 /mq. "Il 2015 è stato un anno positivo per il mercato immobiliare e in particolare per quello residenziale – afferma Alessandro Ghisolfi, Responsabile del Centro Studi Casa.it -. E il 2016 sembra partito con il piede giusto. Dalle nostre rilevazioni effettuate sui primi due mesi dell'anno, la domanda è aumentata in tutti i capoluoghi di provincia. Da un anno a questa parte la domanda è in crescita costante e sembra non arrestarsi. Questo è un indice importante che fa capire come il ritorno di interesse sul mattone sia concreto e non riguardi poche realtà urbane ma un numero sempre maggiore di città."

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here