#PNSD e l’I.C. Sant’Angelo a Sasso: Incremento della didattica digitale

L’I.C. Sant’Angelo a Sasso, rivolto alle migliori esperienze didattiche internazionali, grazie all’USR Campania e al programma Erasmus plus, ha  potuto prendere parte al programma dell’Unione europea per l’istruzione, la Formazione, la Gioventù e lo Sport.  L’insegnante selezionata per il progetto “Campania Digitale per l’Europa 2000”, la prof.ssa Del Donno Annarita, Animatore Digitale, ha seguito un corso di formazione  sulle nuove tecnologie a Ipswich, cittadina nella contea di Suffolk, dall’8 al 16 ottobre 2016 insieme ad altri 22 animatori digitali della Campania ed è pronta per iniziare la disseminazione delle competenze acquisite.
Il Dirigente Scolastico Michele Ruscello, l’A.D. e l’intero istituto sono pronti per questa nuova sfida: migliorare le competenze del personale della scuola; consolidare la qualità dell’insegnamento e dell’apprendimento; innescare cambiamenti in termini di modernizzazione e internazionalizzazione della scuola.
La Settimana del PNSD che va dal 25 al 30 Novembre 2016 prevede la realizzazione di una molteplicità di eventi a livello territoriale per valorizzare le opportunità e le sinergie legate al Piano Nazionale per la Scuola Digitale.
Per poter essere al passo con i tempi, l’I.C. Sant’Angelo a Sasso risponderà alle indicazioni nazionali proponendo una serie di attività realizzate attraverso l’utilizzo di alcune APP per le quali  è già stata erogata specifica formazione da parte dell’A.D. Prof.ssa Del Donno Annarita. Il 30 Novembre 2016, in orario antimeridiano e scolastico tali iniziative saranno condivise nel plesso di appartenenza, tra classi parallele, in un’ottica di peer education. I docenti condivideranno le  conoscenze e le competenze apprese aprendo le proprie classi ai colleghi e agli alunni mostrando loro i lavori realizzati con l’utilizzo delle nuove tecnologie. Questa strategia somministrativa consentirà di elaborare con la dovuta consapevolezza l’apprendimento delle TIC, in tal modo si potrà lavorare in un clima sereno, affiancando le nuove tecnologie alla didattica tradizionale fino a far diventare tale metodologia prassi quotidiana realizzando un effettivo incremento della didattica digitale.
La Buona Scuola ha sancito la necessità di riportare al centro la didattica laboratoriale come punto d’incontro essenziale tra sapere e saper fare.
Nell’ottica di tale progettualità innovativa occorre investire su una visione sostenibile di scuola digitale.
Tale visione del nuovo ambiente di apprendimento non deve limitarsi a posizionare tecnologie al centro degli spazi ma abilitare i nuovi paradigmi educativi che, insieme al digitale, docenti e studenti possono sviluppare e praticare. #Azione4

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here