Lavoro e giovani: 8 e 9 febbraio assise con vescovi del Sud. A Napoli confronto con Sepe, Galantino, Bagnasco, De Vincenti

Parlare di lavoro e giovani, gettare le basi per pensare a progetti realizzabili: a Napoli, l’8 e il 9 febbraio prossimi, nella Stazione Marittima, si riuniranno i vescovi del Sud Italia e della Sardegna nel convegno “Chiesa e il lavoro. Quale futuro per i giovani del sud?”, promosso dalle Conferenze episcopali di Campania, Calabria, Puglia, Basilicata, Sicilia e Sardegna, un appuntamento voluto dalla cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo della città. Fu proprio Sepe ad annunciare l’iniziativa in occasione dell’annuale Discorso alla città, l’8 dicembre scorso. “Lavoro e giovani sono un connubio inscindibile – furono le parole del preside – che è al centro del malessere diffuso e che può rappresentare la chiave del cambiamento e della bonifica delle nostre terre dati di violenza, di criminalità, di traffico del male”. Ed è al lavoro che occorre “tendere, perché è con il lavoro che salviamo la famiglia, la comunità, la città, i giovani”. Nella lettera di presentazione dell’evento, il cardinale scrive: “Non c’è in noi la presunzione di avere risposte ricette miracolose di fronte alla disoccupazione giovanile che al sud è ancora elevata, come confermato dai dati dello Svimez ma perché sentiamo il bisogno e l’urgenza di stare dalla parte delle famiglie e soprattutto dei giovani, futuro dei nostri ami territori”. “Non faremo analisi o diagnosi – sottolinea – ma ragioneremo su cose e progetti possibili la cui realizzazione non può prescindere dall’impegno sinergico di tutti a cominciare dalla Chiesa”. Ci saranno interventi, dibattiti e riflessioni sul lavoro e sul Mezzogiorno e, tra le personalità che prenderanno parte all’iniziativa, oltre al ministro Claudio De Vincenti, anche monsignore Nunzio Galantino, segretario della Cei, e il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei. Si alterneranno gli interventi dei vescovi delle varie realtà del Sud Italia.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here