Giorno della Memoria: “La musicista di Auschwitz” in scena al Teatro De Simone

In occasione del Giorno della Memoria, andrà in scena presso il Teatro De Simone, in prima assoluta, la nuova produzione della compagnia Teatro Eidos, “La musicista di Auschwitz”. Scritto e diretto da Virginio De Matteo e liberamente ispirato al libro autobiografico “La ragazza con la fisarmonica” di Esther Béjarano, lo spettacolo vedrà sul palco Mimmo Soricelli e Raffaella Mirra, con Eduarda Iscaro alla fisarmonica e Vincenzo De Matteo alla chitarra. Tre matinée, il 25, 26 e 27 gennaio (alle ore 10,00) saranno dedicate alla visione da parte delle scuole e faranno parte della storica rassegna “AnGHIngò Scuola”, patrocinata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Benevento e curata dal Teatro Eidos. La pièce avrà anche una replica serale, il giorno 27 (alle ore 20,30), per poi essere rappresentata il 30 gennaio a Orsogna (CH), il 31 a Osimo (AN) e il 5 e 6 febbraio ad Ariano Irpino (AV).
Queste le note di regia: “Esther è una giovane ebrea tedesca, che sopravvive ad Auschwitz grazie ai sui studi in musica. Arrivata nel lager, le chiedono: “Cosa sai fare?”. Lei risponde: “Suono il piano”. Le assegnano invece una fisarmonica, ma la ragazza riesce a trovare gli accordi giusti e a entrare nell’orchestra femminile del campo, l’unica formazione di sole donne di tutti i lager nazisti. Lo spettacolo narra le vicende della sua vita: l’infanzia, la deportazione e la liberazione, l’approdo in Palestina e poi il ritorno in Germania, dove riprenderà la carriera di musicista, con un repertorio che spazia dai testi di denuncia sociale ai canti tradizionali yiddish e della Resistenza.
Esther è un’artista e una donna del Novecento profondamente libera, che ha fondato tutto il suo percorso sul valore della testimonianza e su una incrollabile fiducia nel futuro. Le sue note, che nell’orrore di Auschwitz dovevano anche accompagnare gli ignari deportati a morire, sono diventate un canto d’amore e di ribellione contro ogni forma di discriminazione e intolleranza, che ancora oggi la Béjarano diffonde con straordinaria forza.
Il racconto della sua storia, recitato dagli attori e costruito su una serie di rimandi a episodi significativi, è intervallato da melodie e canzoni del Ventesimo secolo, eseguite dal vivo da due musicisti. Una fisarmonica e una chitarra conducono lo spettatore in un mondo dalle sonorità ancestrali, dove trovano la loro genesi la musica popolare e la musica colta: un modo coinvolgente per narrare, e per non dimenticare, l’immane tragedia dell’Olocausto.

Per info e prenotazioni:
0824.58474 – 335.413060

Posto unico: € 10,00

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here