GRAVISSIMO EPISODIO DI VIOLENZA AI DANNI DI UNA DOTTORESSA SANNITA

Nel pomeriggio di mercoledì 31 gennaio, la dr.ssa A.R., membro della Commissione Medica di Verifica di Napoli, è stata aggredita, all’interno dei locali della Commissione, da un uomo che, puntandole una pistola all’addome, l’ha ripetutamente minacciata dicendo “ Dottoressa vedete quello che dovete fare altrimenti vi vengo a prendere sotto casa vostra , tanto so dove abitate”. Fortunatamente la situazione non è degenerata solo per la determinazione e il sangue freddo del medico.

Poco dopo l’aggressore, che sembra essere un dipendente del Comune di Napoli, è stato individuato e fermato dalle forze dell’ordine, ancora in possesso dell’arma,.

Il Presidente dell’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri di Benevento – Giovanni Pietro Ianniello – esprime la solidarietà personale e dell’intero Consiglio alla dr.ssa A. R., vittima del gravissimo atto intimidatorio.

“ Questo – stigmatizza Ianniello- è l’ultimo di una serie di atti di violenza nei confronti di Medici ed in modo particolare di Colleghe.

È incomprensibile come questa aggressione si sia potuta perpetrare in una sede istituzionale (ndr Regione Campania Isola F8 del Centro Direzionale), e come un uomo armato di pistola, sia potuto tranquillamente entrare ed uscire, nonostante la presenza di sistemi di controllo.

È ora che le Istituzioni si facciano carico di questa problematica in modo serio ed organico – continua Ianniello, anche con norme che tutelino il medico, creando procedure d’ufficio e non a querela di parte, quando egli viene aggredito nell’esercizio delle sue funzioni , e prevedendo pene più gravi per questo tipo di reati.

Il Coordinamento degli Ordini Campani – conclude Ianniello – è disponibile a partecipare fin da subito ad un tavolo tecnico, coordinato dalle Prefetture, per individuare valide soluzioni per questa situazione non più sostenibile.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here