Leonardo: Apa (Uilm), ‘lontani traguardi prefissati’ (2)

(AdnKronos) – “Cosa giustifica questo immenso divario e soprattutto che cosa spiega la distruzione di valori, quindi di impieghi, benessere e prospettive che Finmeccanica Leonardo ha perpetrato nei primi due decenni del nuovo millennio?”, chiede ancora il sindacalista.

“Penso -prosegue Apa- che si possa rispondere con tre parole tanto fondamentali quanto semplici: politica, cultura e storia. In tutte le nazioni (Francia e Stati Uniti in primis) l’industria dell’aerospazio e della difesa è sostenuta dalla politica in maniera spesso vistosa o addirittura connivente. Ora vi sono addirittura amministratori delegati con esperienze finanziarie che cercano di dettare la politica industriale militare decidendo cosa scorporare e non nel settore della cantieristica (ma Leonardo non ha una forte componente civile?), soprattutto valorizzando le tecnologie, il tutto incuranti di uno sviluppo tecnologico e industriale che ora va oltre l’Italia e abbraccia almeno l’Europa, se non anche gli Stati Uniti”.

“Ognuno dovrebbe guardare nel proprio cortile. Per Leonardo la questione più impellente è quella di evitare la marginalizzazione, l’isolamento, il nanismo in Europa e nel mondo. Per questa ragione prima di fare ‘proposte illuminanti’ è necessaria un’inversione in modo che intraprenda alleanze e partnership strategiche per integrarsi in modo tecnologico in un network globale per valorizzare i propri asset”, conclude Apa.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here