Bucchi: “Non siamo in crisi. Sabato voglio vedere una bella partita e portare i punti a casa”

Il Benevento, reduce da due sconfitte di fila che lo hanno fatto sprofondare dal secondo al sesto posto in classifica, torna tra le mura amiche del “Vigorito” per affrontare lo Spezia domani alle 15. I liguri, allenati da Pasquale Marino, occupano il nono posto della classifica del campionato cadetto e domani gli uomini di Bucchi devono offrire una grande prestazione sia per la classifica che per vendicare la sonora sconfitta dell’andata. Sentiamo, dunque, le parole di mister Bucchi in conferenza stampa: DICHIARAZIONI POST CREMONESE: quando dopo la partita contro la Cremonese ho detto che avevo ritrovato la mia squadra mi riferivo all’atteggiamento che è stato sicuramente migliore rispetto a quello di Livorno. A Cremona abbiamo sbagliato solo i sei secondi finali, per il resto ci sono delle responsabilità ed è giusto che l’allenatore se le prenda. AVVERSARI: Lo Spezia è una squadra veloce, sbarazzina vengono qui per giocarsela. I ragazzi hanno lavorato bene, mi aspetto di vedere una bella partita e portare i punti a casa. TURNOVER: la continuità era fondamentale, ora l’abbiamo persa perchè veniamo da due partite non soddisfacenti e dobbiamo ritrovarla. È ovvio che chi rimane fuori è dispiaciuto ma ci restano dieci finali secche e dobbiamo essere bravi a portare avanti le nostre idee. Le scelte avvengono secondo quello che vedo in settimana, dalle caratteristiche degli avversari non dimenticando lo stato di forma dei calciatori. CENTROCAMPO: in mezzo al campo è il reparto dove abbiamo fatto più cambiamenti. Abbiamo trovato un assetto e hanno giocato quasi sempre gli stessi poi ovviamente dipende dalle partite, ad esempio contro la Cremonese servivano giocatori tecnici come Viola e Vokic mentre a Livorno giocatori come Buonaiuto e Bandinelli, poi però i risultati non ci hanno dato ragione. Non dobbiamo esaltare il singolo ma dare priorità alla squadra dobbiamo portare avanti un discorso di equilibrio, non possiamo farci trarre in inganno da partite entusiasmanti come quella contro il Pescara né da due prestazioni negative. CAUSE DEL PERIODO NEGATIVO DELLA SQUADRA: capita di sbagliare durante l’anno, sbaglia la Juve figuriamoci noi. Anche Palermo Lecce Pescara hanno perso partite clamorose. A Cremona è stata una brutta gara ma il terreno era pieno di buche, loro hanno rinunciato ad attaccare quindi una partita in attacco su un campo difficile poteva essere sbloccata solo da calci piazzati o episodi. Tornare con un punto sarebbe stato diverso ma ora dobbiamo essere equilibrati, a volte possiamo sbagliare ma andiamo avanti sereni. Non siamo in crisi siamo a tre punti dalla serie A diretta. Le due sconfitte capitano poi uno spera sempre di prolungare il ciclo, ci dispiace ma se queste due sconfitte fossero arrivate in mezzo a questi undici risultati utili nessuno se ne sarebbe accorto. I giocatori sono fantastici non hanno mai anteposto la loro salute alla squadra non si lamentano mai, da quando alleno non ho mai trovato ragazzi così, se qualcosa non va ci metto io la faccia ma i ragazzi sono meravigliosi e vanno supportati. CALDIROLA: sta meglio, lo valuteremo col nostro staff e vedremo stasera come sta e quindi se schierarlo domani. I DUE MOMENTI DI CRISI NELL’ARCO DEL CAMPIONATO: Col Perugia ci conoscevamo poco ed era un momento di difficoltà, di cambiamento. Oggi abbiamo trovato il nostro percorso non sempre lo facciamo benissimo ma dobbiamo preparare bene la partita. Voglio vedere una squadra che combatte sempre, a Livorno non l’abbiamo fatto ma voglio di nuovo la squadra che si è vista contro il Pescara. CRISETIG E VIOLA: Nicolas non l’ho fatto giocare per far contento qualcuno ma semplicemente perché era pronto. Avevamo trovato un buon equilibrio con Crisetig e nella partita di Cremona ho pensato di far giocare uno che tirasse da fuori area e mettesse in difficoltà gli avversari quindi ho pensato a Viola che era molto motivato, quindi mi sembrava l’uomo adatto per la partita anche perchè Buonaiuto e Bandinelli non avevano giocato benissimo a Livorno. MANCANZA DI GOL: la squadra va studiata continuamente, all’inizio prendevano troppi gol e abbiamo trovato le giuste soluzioni e ora lo dobbiamo fare anche con l’attacco. È per questo che ci lavoriamo perché è giusto che si debba migliorare sempre. TUIA E COSTA: Tuia ha un risentimento muscolare da valutare post Spezia, Costa un semplice affaticamento muscolare, non sarà della partita domani ma ritornerà alla ripresa degli allenamenti.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here