Mafia: pentito Mutolo, ‘Mori partecipò a trattativa per fare arrestare Riina’

Caltanissetta 22 mar. (AdnKronos) – “Io non avevo dei colloqui specifici con i magistrati, ma siccome abitavo dentro la Dia, loro parlavano e io capivo. In quel periodo c’era il colonnello Mori con altre persone che stavano facendo una specie di ‘trattativa’ per arrestare Totò Riina”. A parlare è il pentito di mafia Gaspare Mutolo, che ha deposto oggi per pochi minuti al processo per il depistaggio Borsellino che vede alla sbarra tre poliziotti, Mario Bo, Fabrizio Mattei e Michele Ribaudo. L’audizione, in videoconferenza è durata solo pochi minuti, perché la Corte ha poi deciso di accogliere la richiesta dell’accusa di utilizzare i verbali delle deposizioni rese da Mutolo in passato.

“Dicevano ‘è sceso a Palermo’, oppure ‘lo abbiamo visto’ – spiega ancora il collaboratore di giustizia -Paolo Borsellino non partecipava a questi colloqui. Ma ogni tanto veniva, tre o quattro volte. Ma noi ci conoscevamo dagli anni ’70-’75 e c’era una certa conoscenza. Logicamente parlava con altri personaggi”. Poi ha aggiunto: “il dottor Borsellino un giorno mi lasciò da solo e ha parlato con altre persone. Diceva: ‘Ma sono pazzi'”. Alla domanda del Procuratore aggiunto Gabriele Paci come sapeva che stese parlando di Mario Mori, condannato in primo grado nel processo trattativa Stato-mafia, il pentito Mutolo ha risposto: “Lo capivo che era Mori perché già si sapevano questi contatti con Ciancimino…”.

Poi ha aggiunto: “La mia storia di collaboratore è diversa da tutti gli altri collaboratori, a quei tempi non c’era nessuno”. E ricorda: “Io prima ho parlato con Giovanni Falcone, poi ho insistito ad avere Paolo Borsellino”.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here