LA LIBERTA’ RELIGIOSA NELL’ITALIA MULTICULTURALE: LECTIO MAGISTRALIS DEL PROF CARLO CARDIA

“Il futuro dell’integrazione religiosa e dell’integrazione sociale più ampia dipende dall’assimilazione dei diritti umani all’interno delle diverse comunità religiose e dell’immigrazione”, lo ha dichiarato il prof. Carlo Cardia– docente di Diritto ecclesiastico all’Università Roma Tre – in preparazione della lectio magistralis che venerdì 29 marzo terrà presso l’Università Giustino Fortunato.

E’ la prima volta che l’Ateneo telematico sannita ospita una personalità tanto autorevole nel mondo accademico, come il prof Cardia che, incaricato dal Governo italiano, ha predisposto lo studio utile alla difesa dell’Italia nella causa per la legittimità della presenza del Crocifisso nelle aule scolastiche portando, nel 2011, alla modifica della sentenza della Corte di Strasburgo.

Cardia, durante la lectio magistralis con gli studenti della facoltà di Giurisprudenza dell’UniFortunato, tratterà anche di percorsi da compiere per arrivare alla convivenza fra persone di religioni diverse. Convivenza che “sarà possibile se le Chiese e le Confessioni religiose per prime e tutte insieme matureranno al loro interno il rispetto più convinto delle convinzioni religiose degli altri, abbandonando l’atteggiamento esclusivistico o fondamentalista che metterebbe a rischio il presupposto della libertà religiosa”.

L’evento, che rientra nel Progetto Costituzionedell’UniFortunato, sarà introdotto dal prof. Angelo Scalae dal prof. Paolo Palumbo, rispettivamente Magnifico Rettore il primo e docente di Diritto ecclesiastico e canonico il secondo, entrambi presso l’università Giustino Fortunato. Le conclusioni, invece, saranno a cura di S.E. Mons. Felice Accrocca, Arcivescovo Metropolita di Benevento.

L’appuntamento è per venerdì 29 marzo alle ore 10.30 presso l’Aula Magna dell’UniFortunato, in via R. Delcogliano 12, a Benevento.

 

 

 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here