Gsk, a Rosia nel futuro oltre 500mila test all’anno sui vaccini

Siena, 28 mar. (AdnKronos Salute) – Costruita in tempi record tra il 2015 e il 2017, nel corso del 2018 la nuova struttura per il controllo qualità è stata sottoposta alla validazione da parte delle autorità regolatrici per poter avviare le attività. E’ quanto emerse in occasione dell’inaugurazione del nuovo edificio per il Controllo Qualità (QC) del sito di Rosia (Siena). L’ingente investimento, il primo approvato dopo l’integrazione con Gsk nel 2015, ha permesso di realizzare un edifico dotato di 500 postazioni di lavoro, di cui circa 300 in laboratorio, in cui si eseguiranno oltre 500 mila test all’anno, potenzialmente raddoppiabili in base a eventuali nuove esigenze produttive. Ad oggi sono dedicate alle fasi di controllo qualità circa 230 persone, i cui profili professionali spaziano da chimica a microbiologia immunologia e statistica.

La struttura è organizzata secondo un approccio di razionalizzazione dei flussi di lavoro, orientato a massimizzare e migliorare costantemente i processi operativi interni. Questo consentirà una riduzione significativa e progressiva dei tempi di effettuazione dei controlli (dai 120 giorni del 2019 a 21 giorni nel 2021), la garanzia di elevati standard di sicurezza biologica e la capacità di sostenere eventuali incrementi di produzione.

“Quando parliamo di qualità dobbiamo tener presente che per fare un vaccino ci vogliono circa due anni, con centinaia di controlli, per mettere a punto un singolo lotto di 100 mila dosi. Ciascun lotto di vaccino contro il meningococco B, per esempio, è sottoposto a circa 225 diverse analisi – afferma Rino Rappuoli, Chief Scientist Gsk – Questo nuovo impianto è disegnato per il futuro, pronto per l’evoluzione tecnologica e per garantire sicurezza e qualità anche nei prossimi anni”.

ARTICOLI CORRELATI


LASCIA UN COMMENTO (Il commento dovrà essere approvato dalla redazione)

Please enter your comment!
Please enter your name here